Quando comincerà il mondiale di F1 2020? La fresca notizia dell'annullamento del Gp d'Azerbaijan porta i tifosi a sperare nel Canada, nel fine settimana che va dal 12 al 14 giugno, ma anche per la corsa di Montrèal gli scenari non sono positivi. Comunque vada, il presidente di ACI Sport Angelo Sticchi Damiani è convinto che prima o poi la Formula 1 tornerà a gareggiare.

Hamilton: "Basta polemiche. Lascio il tampone a chi ne ha bisogno"

Tanti interessi ma nessuna certezza

Sticchi Damiani ne è convinto, anche per i tanti interessi che ci sono in ballo, parlando così all'agenzia Adnkronos:"l mondiale 2020 di F1 si farà, lo si deve fare, ci sono interessi miliardari in ballo. Si dovrà rinunciare a qualche Gp ma almeno 13-14 gare, il minimo per considerare valida la stagione, si disputeranno. Si possono sicuramente recuperare alcune date ad agosto, visto che le ferie le stanno facendo ora e procrastinare la fine anche al gennaio 2021, vista l'eccezionalità della situazione. Il problema è che questa pandemia che sta esplodendo in tutto il mondo non dà alcun tipo di certezze".

Sticchi Damiani sul Gran Premio d'Italia: "Si farà, troppi interessi"

Fiducia per Monza

Il presidente si dice convinto che tra due mesi le cose da noi saranno migliori, cosa non scontata però in altre regioni del mondo: "E' ragionevole pensare che nel nostro Paese, in grandissima sofferenza in questi giorni, tra un paio di mesi saremo in grado di ospitare un evento sportivo di tale importanza come un Gp di F1 ma magari da altre parti la situazione sarà ancora in alto mare e quindi organizzare un evento di portata mondiale come un Gp, con gente che viene da tutto il mondo, non sarebbe possibile. Il circus non vuole correre il rischio di ripetere quanto successo il 15 marzo a Melbourne, dove si sono spesi tantissimi soldi per organizzare la gara e poi non si è rientrati di quel danaro perché la gara non si è corsa dopo alcuni casi di positività".

Nuovo Sterzi a Parte di Donnini: Mario Andretti incita la sua Cara Italia