Fedelissimo della piattaforma iRacing, Max Verstappen prosegue la sua particolarissima stagione al volante virtuale degli Esports. Mentre diversi piloti di Formula 1 si sono ritrovati sul sim-arcade F1 2019 e “torneranno in pista” domenica prossima con il Gran Premio di Cina virtuale – oltre a iniziative inedite, di Veloce Esports, come la sfida sul giro secco 1-contro-1 – per Verstappen c’è la serie Supercars australiana.

Addio Stirling Moss, il ricordo di Hamilton e Piero Ferrari

Mercoledì mattina, dalle 11.00 in live streaming sul sito Red Bull, Max prenderà parte alla seconda tappa della Eseries con i protagonisti del campionato Supercars. Ospite d’eccezione, le due gare si correranno sui circuiti di Silverstone e Barcellona.

Per Max, una Holden V8 5 litri in livrea Red Bull Racing F1: “Non vedo l’ora di correre, sarà una sfida poiché non è un’auto che ho guidato molto al simulatore, però sono belle da vedere dal vivo.

Ho provato la Supercar un paio di volte su iRacing ed è una macchina molto difficile da sistemare. Non vedo l’ora di correre accanto al mio compagno Shane (van Gisberger, già al via del primo round della serie, come Jamie Whincup; ndr) o, come lo chiamo io, Pastor: fa grandissime manovre al simulatore. Abbiamo corso online parecchie volte, spero potremo fare bene per Red Bull e dovrebbe essere un bel divertimento contro altri piloti delle V8”.

Race for the World

Prima dell'evento online della Supercar, alle 19:00 di martedì torneranno in pista Leclerc, Giovinazzi, Albon, Norris, Latifi - tra i piloti di F1 - con l'iniziativa Race for the World. Seconda gara delle tre in programma, al simulatore F1 2019, dopo il GP dello scorso 11 aprile, nel quale sono stati raccolti 33 mila dollari di donazioni in favore dell'Organizzazione mondiale della Sanità. In griglia saranno anche Antonio Felix Da Costa, Arthur Leclerc, i piloti di sviluppo della Haas, gli F2 Lundgaard, Alesi e Ilott.

Coronavirus, GP Francia verso il rinvio dopo le parole di Macron