Dall’incontro di giovedì tra FIA, Formula 1 e squadre, si è prodotto un ulteriore scenario sul budget cap da introdurre nel 2021 e sull’avvio del mondiale 2020. Sul primo punto, specialmente, mancano ancora posizioni definitive. Un incontro “costruttivo” è locuzione che, solitamente, nelle fasi di trattativa ti indica come ancora ci sia da lavorare, correggere, limare.

No a soglie differenziate

I fronti sono noti da tempo: 150 milioni di dollari a stagione, il limite massimo accettabile dalle grandi squadre, chiamate a sviluppare componenti poi ceduti anche alle squadre di seconda fascia. Cento milioni a stagione la richiesta dei team minori, con una FIA ben disposta verso un cospicuo taglio alle spese.

Horner radicale: giù i costi con la 'macchina clienti' per 2 anni

Dall’ultimo meeting era emersa, poi, la posizione Ferrari, con Mattia Binotto a chiarire come fosse opportuno, magari, discutere di budget cap differenziati, in ragione delle strutture differenti tra squadre di prima e seconda (dove non terza) fascia.

5 milioni "limati" nel 2021 

Da quanto emerso, il budget cap differenziato non ha trovato posizioni favorevoli. Piuttosto, si è discusso della possibilità di introdurre un tetto di spesa a 145 milioni di dollari nel 2021 – dai 150 milioni, sforzo “massimo” sul quale si erano accordati ufficiosamente le squadre –, da ridurre ulteriormente a 130 milioni di dollari a partire dal 2022. Una maggiore progressività nei tagli (tali per i grandi team), peraltro una progressività già immaginata con l’originario tetto di spesa a 175 milioni di dollari, il dato che, ufficialmente, resta quello concordato lo scorso anno dalle squadre.

Sviluppo aero limitato dai risultati

Altra misura di contenimento, di spese e di possibilità di sviluppo soprattutto, è quella discussa in merito alle simulazioni condotte con strumenti CFD. Sappiamo già come il regolamento preveda limitazioni (calcolate nel numero di ore spendibili e potenza di calcolo per sessione, misurata in TeraFLOPs) sul tempo che può essere dedicato a tali strumenti.

Secondo quando discusso dalla riunione in teleconferenza di giovedì, potrebbe esserci l’introduzione di un sistema di ulteriore limitazione, in funzione del piazzamento nel campionato Costruttori della stagione precedente: tanto più in alto concludi il campionato, tanto più ridotto sarà lo sviluppo che potrai condurre al CFD.

Calendario, via da Zeltweg poi Silvertone

Si è poi discusso del calendario 2020 e la linea sembra essere più chiara sul come si procederà, perlomeno in avvio. Il Gran Premio d’Austria è candidato a inaugurare la stagione, ovviamente a porte chiuse: sarà nella data originariamente prevista o, possibile, un anticipo.

GP Monza, Damiani: 'Speriamo in Sant'Ambrogio...'

Dal Red Bull Ring il campionato proseguirebbe alla volta di Silverstone, dove spendere il mese di luglio con due Gran Premi da disputare su configurazioni differenti del tracciato. E la logica alternativa al disegno attuale potrebbe essere la tracciatura impiegata fino al 2009, con la variante Abbey e il passaggio della Bridge, superati con il nuovo complesso di curve tracciato inseguito, per “ritrovare” la tracciatura storica alla Brooklands.