Andrà trovata un’intesa che soddisfi entrambi, anche sul piano economico, perché si vada avanti ad assetto invariato sul fronte piloti in Ferrari. Dalle indiscrezioni, si discute di durata del contratto, Vettel a chiedere un pluriennale, sul cui aspetto economico c’è un livello posto dall’estensione del contratto di Charles Leclerc (tra i 9 e 12 milioni di euro a stagione, secondo i rumours).

Sterzi a parte: Magari Binotto desse ragione a Binotto

In un rapporto alla pari, di due prime guide, difficile immaginare di avere un potere contrattuale, oggi, tale da discutere un nuovo contratto su somme anche solo vicine ai 35 milioni di euro indicati quale quale base riconosciuta a Seb.

Felicità e rispetto

Le discussioni restano aperte, come le opzioni alternative per la Ferrari, dovesse mancare la convergenza sul futuro con Vettel. Uno scenario sul quale si è pronunciato anche Charles Leclerc, nel corso di un’intervista a Sky Sports UK, per dire come il rapporto con Seb è decisamente migliore di quanto non pensino le persone osservando dall’esterno. È sempre stato lo stesso, dall’inizio a oggi, sebbene abbiamo avuto alcuni problemi in pista: ogni volta ne abbiamo parlato con calma e siamo tornati più forti.

Dopo il Brasile è stato difficile, in realtà dopo la gara è andato tutto a posto ed è quel che mi piace con Seb. Sì, sarei molto felice se restasse, però come detto rispetterei anche se la Ferrari scegliesse di procedere con qualcun altro.

Parole necessariamente equidistanti su una materia calda. Leclerc rappresenta presente e futuro della Ferrari, al quale dare gli strumenti per puntare a vincere il campionato. 

In pista, la Formula 1 tornerà a luglio, nella migliore delle ipotesi. Sarà allora che avremo una nuova tara rispetto a quanto registrato in inverno a Barcellona, una Ferrari certo non immediata inseguitrice Mercedes. La chiusura imposta ai reparti corse ha congelato i valori allo sviluppo prodotto tra l’ultima sessione di Barcellona e il lavoro portato avanti in fabbrica fino alla prima decade di marzo.

Progressi personali

Aspettando di capire quanto sarà migliorata la Ferrari che andrà in pista, Leclerc torna sul “cosa” rispetto al 2019, si è impegnato a migliorare della propria prestazione: “Provo sempre a migliorare in ogni cosa che faccio, a ogni stagione. Finora sono contento dei miei progressi ma devo continuare, ci sono degli aspetti dallo scorso anno sui quali lavorare: la gestione delle gomme in gara, ci sto lavorando ma sono piuttosto certo che, dai test, ho sicuramente migliorato parecchio su questo fronte.

Sono felice di questo, dobbiamo lavorare, non abbiamo ancora corso quest’anno e non ho le mie risposte relativamente ai progressi compiuti, se ne sono stati fatti di significativi o meno, però, guardando ai test sono contento dei progressi, aspettiamo e vedremo la prima gara ma spero sia così”.

Leclerc: divertente battagliare con Max, Lewis sa anticiparti