In quarantena, Bernie Ecclestone non manca mai di dire la sua. Venuto alla ribalta della cronaca rosa per la sua paternità nonostante i quasi 90 anni, l'ex Padrino è spesso intervenuto in queste settimane per esprimere la sua opinione su qualche tema legato alla F1. L'ultimo suo intervento ha riguardato i piloti più titolati della griglia, Hamilton e Vettel, svelando punti di vista interessanti.

Ecclestone candida Montezemolo per il dopo Todt

Altri piloti come Hamilton

Bernie ha approfondito questi aspetti parlando con la testata Autocar: "Il miglior pilota del momento? Automaticamente mi viene da dire Hamilton. Probabilmente però, ci sono altri piloti che farebbero ciò che fa lui nello stesso team, o addirittura meglio. Penso a Max Verstappen, al 100%, ma certamente anche Sebastian Vettel, sebbene ultimamente abbia un po' perso la rotta. Se supportati questi piloti rendono al meglio, Lewis ha avuto il massimo del supporto, non gli è mancato nulla".

Gp Austria, ecco come la F1 vuole ripartire

Vettel e la Red Bull

Proprio su Vettel Ecclestone ha avuto qualcosa da aggiungere: "Sono cose che si sono già viste in passato, tutto ad un tratto arriva un nuovo ragazzino capace di andar forte e tutti in Ferrari si sono innamorati di lui. Conosco bene Sebastian, di queste cose comunque non parliamo, sebbene penso che soffra il fatto di essere oscurato da Leclerc. Non si trova in una posizione facile, il suo contratto scade alla fine di quest'anno, ma se riuscisse a mostrare le sue capacità dovrebbe rimanere in Ferrari. Col senno di poi, sarebbe dovuto restare alla Red Bull, lì era amato, ma capisco che molti piloti vogliano guidare per la Ferrari, anche finanziariamente ha pensato che andare in Ferrari fosse la cosa giusta da fare".

Ross Brawn: budget cap a 145 milioni e premi equi