Le notizie di mercato che più tengono banco sono quelle legati ai rinnovi di Sebastian Vettel con la Ferrari e quella di Daniel Ricciardo con la Renault. In entrambi i casi non ci si può sbilanciare, ma se i piloti si guardano attorno, lo stesso vale per i loro team, nella fattispecie la Renault, che con Cyril Abiteboul ammette di stare valutando alcune alternative.

Abiteboul: "Chiarezza sul motore Ferrari"

Questione complicata

Nelle dichiarazioni rilasciate ad Auto Hebdo, Abiteboul è trasparente: "Ammetto che sia una situazione complicata, sia per noi che per Daniel, ci sarebbe piaciuto vedere con quale spirito avrebbe lavorato il team nel nostro secondo anno insieme e valutare i progressi della monoposto. Al momento non ci sono annunci da fare, Daniel è chiaramente un'opzione, ma la Renault deve considerare anche delle alternative. L'assenza di gare rende più difficili le cose per prendere le decisioni corrette, ma non possiamo attendere all'infinito".

Alain Prost sul futuro di Ricciardo

Le alternative

Il team principal della Renault non si è sbilanciato sui nomi, anche perché è un po' tutto il mercato ad essere statico in questo periodo, e nessuno al momento vuole fare la prima mossa. Se Ricciardo decidesse di proseguire con la scuderia francese il dilemma verrebbe presto risolto, ma se l'australiano volesse andar via la Renault si guarderà intorno per le occasioni che il mercato offrirà, ma potrebbe anche optare per una soluzione interna come Guanyu Zhou, miglior rookie nella Formula 2 2019 ed attuale terzo pilota Renault. Una soluzione non troppo clamorosa ed abbastanza remota, ma non da escludere a priori. Ben più difficile invece pensare a Christian Lundgaard, il classe 2001 di due anni più giovane di Zhou, reduce dal sesto posto in Formula 3 e con due sole gare alle spalle in F2.

F1 Group, quante perdite!