Trasformare il salotto di Montecarlo in circuito richiede mesi di lavoro, una programmazione che si scontrata con l'incertezza assoluta dettata dalla pandemia di coronavirus, con la conseguenza di un Gran Premio di Formula 1 cancellato, Monaco fuori dal calendario per la prima volta dal 1954.

L'editoriale del Direttore: Sainz, per aprire un ciclo

L’Automobil Club di Monaco si proietta già al 2021 e comunica la prima data ufficiale di due calendari: il mese di maggio sarà un susseguirsi di Formula E e Formula 1, come già nel 2019.

Il ritorno dell’ePrix, non previsto dalla serie elettrica quest’anno, vedrà le monoposto correre l’8 maggio del prossimo anno; due settimane più tardi toccherà al week end lungo della Formula 1, dal 20 al 23 maggio. E sarà la chiusura di 30 giorni ricchi di appuntamenti sportivi, vista la 12° edizione del Gran Premio di Monaco storico, in programma dal 23 al 25 aprile.

Lavori al via da febbraio

“Organizzare tre gare nell’arco di un mese sarà una prima volta per tutti noi dell’Automobile Club de Monaco. L’aspetto logistico promette d’essere complesso ma non impossibile da gestire. A causa di nuovi vincoli, dovremo iniziare a preparare la pista prima del solito, a fine febbraio, anziché dal 15 marzo.

Successivamente integreremo gli aspetti tecnici, in pista e a margine, richiesti da ogni categoria che sarà interessata. Per potervi riuscire faremo affidamento sull’esperienza e flessibilità di tutte le persone coinvolte, così da poter centrare i nostri obiettivi”, il commento di Christian Tornatore, commissario generale dell’ACM.

GP Silverstone, ancora dubbi sul regime di quarantena per la F1