Non si fermano le difficoltà finanziarie del Gruppo Williams. Dopo aver disinvestito lo scorso dicembre nel ramo Williams Advanced Engineering – l’unico ad aver prodotto performance finanziarie migliori nel 2019 rispetto all’anno precedente – l’annuncio dei risultati finanziari relativi allo scorso anno è accompagnato dalle scelte del CdA che ha avviato un processo formale di vendita per “facilitare le discussioni con parti interessate”.

Mercedes conferma il futuro in F1 con Wolff, diverso l'assetto?

Le soluzioni per garantire la sopravvivenza, dopo il recente prestito acceso con a garanzia le strutture e le monoposto storiche, spaziano dalla raccolta di nuovi capitali, il disimpegno parziale o totale fino alla vendita dell’intera compagnia. Un peso decisivo nell'affossare i risultati finanziari lo hanno avuto le performance insufficienti in Formula 1, con a bilancio un EBITDA (margine operativo lordo) in perdita di 13 milioni di sterline rispetto al segno positivo per 13 milioni realizzato nel 2018. 

Quale futuro attenda Williams è incerto, il Gruppo conferma la presenza di discussioni con piccole parti per un investimento potenziale, tuttavia, senza garanzie che ciò si materializzi. Nell’immediato futuro viene garantita la presenza dei fondi necessari per operare in Formula 1 nel 2020.

Lo farà senza la sponsorizzazione, rilevante, di Rokit, marchio col quale si interrompe con effetto immediato la collaborazione avviata nel 2019.

L'editoriale del direttore: Sainz, dalle origini per capire quel DNA