E’ ruotato sul “come” non sull’idea in sé la legalità del sistema Dual Axis Steering Mercedes, introdotto quest’anno sulla W11 con il benestare della FIA.

Un’idea coltivata da molto tempo, sottoposta alla Federazione per l’introduzione già nel 2019, ma la differenza, allora, fu tutta nell’attuazione della chiusura a zero della convergenza. Dove l’idea Mercedes prevedeva una leva al volante la FIA ha escluso che tale attivazione potesse essere conforme al regolamento.

Carey: discussioni in pausa sul Patto della Concordia

James Allison ripercorre l’excursus del DAS, destinato a una rapidissima apparizione sui campi di gara, posto che venga utilizzato quest’anno, prima di un 2021 nel quale è già stato ritenuto illegale.

FIA, nel 2019 no sui modi del DAS

“Volevamo inizialmente introdurlo nel 2019, abbiamo presentato l’idea alla FIA, l’abbiamo mostrata, spiegato perché pensavamo fosse legale e a malincuore hanno concordato sulla legalità del DAS. Non erano d’accordo nel modo in cui l’avevamo realizzato.

Il secondo asse era attuato mediante una leva anziché il movimento dell’intero volante. Così hanno detto: ‘dovete muovere tutta la corona avanti e indietro’.

L'editoriale del Direttore: Williams in vendita e F.1 in sofferenza

Quando si sono pronunciati in questo modo, credo sperassero fosse troppo difficile e che avremmo abbandonato la cosa senza causargli ulteriori problemi”, spiega il direttore tecnico.

Tre idee alternative di attivazione

Investire tempo e risorse è funzionale ai vantaggi attesi – che siano direttamente cronometrici e indirettamente da una migliore gestione della temperatura delle gomme -, così l’approfondimento portato avanti a Brackley: “Abbiamo un capo progettista, John Owen, dalla grande inventiva, ha dato uno sguardo alla sfida, ha davvero spiccate sensazioni su cosa sia fattibile e cosa non lo è. Una caratteristica di grande utilità perché ci permette di essere arditi nello spendere risorse quando gran parte delle persone penserebbero a un esito incerto.

John ha raccolto la sfida, ha valutato di poterlo fare, l’ha portata davanti a un gruppo di progettisti meccanici di gran talento che tra loro hanno preparato 2-3 idee in cui poteva realizzarsi e abbiamo preso la più plausibile: un anno dopo il DAS è spuntato all’inizio di questa stagione”.

Da Zeltweg, in funzione delle caratteristiche dei circuiti – presenza di lunghi rettilinei, aggressività sulle gomme – capiremo in quale condizione il sistema di convergenza variabile può aiutare la prestazione della W11.