Nelle corse virtuali sta dando delle lezioni a tutti, in quelle reali è ancora alla ricerca del primo punto in F.1, ma di lui si dice un gran bene. George Russell si appresta a vivere la seconda stagione nel Circus, diviso tra un presente alla Williams ed un futuro, che pare scritto, con i colori della Mercedes.

Leclerc sui kart a Lonato. FOTO

Mercedes, una famiglia

La casa della Stella è il punto di riferimento dal 2014 a questa parte e l'ambizione di correre per i campioni del mondo in carica, che lo hanno molto aiutato nella carriera, è ovviamente ben presente nella testa di Russell: "Sono la squadra migliore - esordisce l'inglese alla tedesca Rtl -, a chi non piacerebbe correre con loro? La Mercedes è un po' come una famiglia, mi ha aiutato a vincere in Gp3, in Formula 2 e ad entrare in Formula 1".

Gp Gran Bretagna, ipotesi cartonati sulle tribune

Occasione Williams in Austria

Spostandosi sul presente, Russell sostiene che l'inizio di stagione in un clima così particolare possa essere un'occasione da sfruttare per il suo team: "Per noi potrebbe essere l'opportunità più grande di tutto l'anno. Penso che molte persone potrebbero commettere degli errori a Spielberg, e parlo non solo di piloti ma anche di ingegneri e meccanici. Noi non dobbiamo commetterne per sfruttare eventuali occasioni che si apriranno in un fine settimana che sarà molto particolare".

Indy di nuovo in F.1?