McLaren in crescita, ma non in grado di competere per il titolo almeno fino al 2022. Notizia  di per sé non sorprendente se si guardano i valori in campo degli ultimi anni, più interessante da riportare se invece queste parole arrivano direttamente da Zak Brown, che ha detto la sua sulle possibilità della McLaren per quest'anno e per l'anno prossimo.

Grosjean, idea Renault

Racing Point molto forte

Parlando con Sky Uk, Brown dice di aspettarsi per il 2020 una gran battaglia a centro gruppo: "Speriamo che la nostra macchina sia buona. Eravamo soddisfatti nei test invernali, ma da quanto abbiamo potuto vedere penso che la battaglia a centro gruppo sarà più dura che mai. Penso che quest'anno sarà più dura. Nelle prove invernali, la Racing Point è stata chiaramente molto veloce con quella che sembra essere la Mercedes dello scorso anno, e dovrebbe confermarsi veloce perché lo scorso anno quella macchina ha vinto il campionato. Quindi loro saranno molto forti, sono quelli che hanno fatto i maggiori progressi rispetto all'anno scorso. Penso che molto dipenderà dall'affidabilità, dalla continuità delle prestazioni dei piloti e dal lavoro del team, perché sostanzialmente c'è poca differenza tra le vetture".

Brown ed il calendario da 16 Gp, Mugello compreso

Ricciardo pilota da titolo

Spostandosi sull'anno prossimo, Brown è sicuro del valore di Ricciardo, che però dovrà pazientare: "Daniel è un pilota che ha il potenziale per vincere il campionato, ma noi non penso che saremo in grado di fornirgli una macchina da titolo nel 2021. Siamo ancora in una fase di crescita, ma penso che potremo dargli comunque una vettura competitiva, poi vedremo cosa accadrà nel 2022".

Il Papa scrive a Zanardi

La serietà di Sainz

Due parole poi anche sul lavoro con Sainz, destinato alla Ferrari nel 2021, con il quale però ci sarà professionalità: "Se cominciamo a nascondere informazioni, non avremo un 2020 di successo insieme, quindi penso che ci concentreremo su questa stagione cercando di massimizzare il materiale a disposizione. Nascondere le cose penso non sia produttivo. Del resto, la nostra macchina del 2021 sarà più o meno quella del 2020. Nel caso si fosse trattata di una vettura completamente nuova, sarebbe stato scomodo dover fornire indicazioni sulla monoposto dell'anno prossimo, ma dato che la macchina sarà molto molto simile non mi preoccupo della serietà di Carlos".

Vettel: "Mugello spettacolare"