Pugno alzato una volta uscito dall'abitacolo, il gesto contro il razzismo che Hamilton voleva a tutti i costi regalare al mondo. Non ci era riuscito domenica scorsa, ci è riuscito oggi, in un fine settimana fenomale per lui.

Gp Stiria, la cronaca della gara

La voglia di festeggiare

La soddisfazione è palpabile nelle sue parole: "Grazie al mio team e a tutti in fabbrica. E' una stagione strana, ma è bello tornare qui a guidare con queste prestazioni. La squadra ha fatto un lavoro fantastico con la strategia, dovevamo evitare i cordoli e ci siamo riusciti. Sono felice di essere tornato alla vittoria, onestamente mi sembra sia passato tantissimo tempo, anche se era l’ultimo Gp dell’anno scorso. Tornare a questo livello dopo un weekend difficile la scorsa settimana è davvero un grandissimo passo avanti per me. Adoro i back to back, ora ce ne sarà un'altra ancora, sarebbe bello fare una festa tra le gare".

Binotto: "Non cerchiamo colpevoli"

La chiave è correggere gli errori

A Sky, l'inglese ha aggiunto: "L'altra settimana ho fatto fatica, ma quando c'è la volontà c'è sempre il modo di trovare le soluzioni. Lo scorso fine settimana è stato psicologicamente impegnativo, ho subìto delle penalità, una la domenica mattina ed una a corsa appena conclusa, e quando questo succede non è mai facile. L'unica cosa che puoi fare è non guardare indietro ma concentrarsi sul futuro, ed è quello che ho fatto: sono rimasto qui e mi allenato bene, ho mangiato bene, ho dormito bene ed ho lavorato con i ragazzi per capire dove avevo sbagliato e correggere gli errori, cosa che abbiamo fatto. Non so perché ma questa è una pista dove ho sempre fatto più fatica rispetto ad altre, quindi sono molto soddisfatto di essere riuscito a vincere. Sono al settimo cielo, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga".

Follia Ferrari. FOTO

La classifica

Hamilton ha già ricucito parte del distacco da Bottas. Dal -13 della vigilia, Lewis ha portato a 6 le lunghezze di ritardo dal compagno di squadra, ancora leader della classifica con 43 punti. L'inglese è a quota 37, mentre Norris occupa la terza piazza con 26 punti. Quarto Leclerc, fermo a 18, mentre Perez completa la top 5 a quota 16, uno in più di Verstappen.