Ordinario lavoro del venerdì, a sentire Lewis Hamilton. Firma la prima sessione con una facilità e velocità inarrivabili per gli avversari e, soprattutto, con una Mercedes a cancellare le differenze tra mescole. Pista asciutta, uno scenario che nella migliore delle ipotesi potrebbe tornare domenica, perché al sabato è data una qualifica bagnata, temporali su Budapest e una roulette che potrebbe ancora indicare il 44.

GP Ungheria, analisi Fp2: Vettel al vertice su pista bagnata

Magistrale a Spielberg, Lewis si rammarica quasi di non poter correre un week end tutto sull’asciutto: “Spero personalmente che sia asciutto, voglio una qualifica e gara sull’asciutto, è una pista fantastica sulla quale guidare sull’asciutto, è un circuito molto insidioso”.

Modifiche tra FP1 e FP2 da verificare

La prestazione al mattino la relega, ancora, all’ordinario, certo che le differenze andranno a ridursi al sabato: E’ stata una grandiosa prima sessione. Le cose che avevamo bisogno di fare è un peccato che abbia piovuto ed è strano pensando che siamo in estate e ci troviamo a fare i conti con questo tempo negli ultimi week end.

Ho già detto che non considero troppo il tempo del mattino, tutti svolgono un programma diverso in termini di ali, benzina, motore, queste cose: avevamo bisogno di svolgerlo è andata ok e credo saremo molto più vicini quando andremo nelle libere 3 e in qualifica.

Bottas: "Col bagnato importante capire il punto di crossover"

Sulla macchina c’è del lavoro da fare, l’abbiamo fatto poi però ha piovuto e non sapremo finché non torneremo su un turno asciutto”, la sintesi delle sensazioni avute al volante.