Quinto al via e sesto all'arrivo. Nei risultati il fine settimana di Sebastian Vettel lo si riassume così, con il tedesco che ha provato a mettere una pezza ai limiti della SF1000. Qualche secondo di troppo perso ai box per il traffico in pit-lane al momento della prima sosta che hanno complicato la corsa di Sebastian, che al di là di un paio di sbavature con Albon alle spalle ha corso bene a Budapest.

La cronaca del Gp d'Ungheria

Mercedes imprendibili

La lettura della corsa da parte del tedesco è breve e chiara, con un'ammissione sconcertante sul doppiaggio da parte delle Mercedes: "Siamo un po' tornati alla normalità, il primo Gp in Austria era stata un'anomalia mentre il secondo non lo abbiamo praticamente cominciato. Oggi potevamo finire al quinto posto, ma non più in alto. Un giro di distacco dalla Mercedes? Era chiaro che ci avrebbero doppiato anche prima della gara, per me non è stata assolutamente una sorpresa".

Vota il pilota del giorno

Magro bottino dopo tre gare

Nelle parole del tedesco la consapevolezza delle difficoltà della Ferrari in questo momento, con Seb che nelle prime tre gare è riuscito a portare a casa appena 9 punti. Tempi duri per la Rossa, che ora guarda con preoccupazione alla doppia gara di Silverstone, in programma per il 2 e per il 9 agosto.