I colori non potrebbero prestarsi meglio, il papaya orange e il blu elettrico sfoggiato dalla MCL35, per ritrovare nelle corse un abbinamento McLaren-Gulf Oil che riporta indietro di oltre 50 anni.

Alcune immagini apparse sui social sono sufficienti a dire del ritorno di un accordo commerciale tra il team di Woking e la compagnia petrolifera statunitense. Norris e Zak Brown in una stazione di servizio Gulf, con la stradale McLaren 720S dietro la monoposto di Formula 1, sono un indizio chiaro di una partnership prossima all’annuncio, che secondo i rumours dovrebbe partire dal GP di Gran Bretagna.

Sulla copertura motore, nella zona dello scarico della MLC35, campeggia il logo Gulf, storicamente accostato a McLaren sin dagli anni Sessanta nella sponsorizzazione dei prototipi Can-Am, dalla McLaren M8B, partnership presente anche in Formula 1 dagli anni Settanta, poi nell’Endurance, con la McLaren F1 GTR di metà anni Novanta.

Sponsor di frequente abbinato alle corse, al di là del legame con McLaren è divenuto iconico l’accostamento azzurro-arancio delle Ford GT40 Gulf come delle Porsche 917.

Vale segnalare come il team, dopo l'interruzione della sponsorizzazione e fornitura di lubrificanti e benzina da parte di Petrobras a fine 2019, non abbia presentato un nuovo partner tecnologico nel 2020. Il fornitore di power unit, Renault, utilizza lubrificanti e benzina Castrol.

McLaren 675LT Gulf, profumo di corse e Le Mans