Il Gp di Gran Bretagna avrà ancora una doppietta tutta Mercedes. Le qualifiche a Silverstone sono state esattamente come quelle sull'Hungaroring: pole position per uno stratosferico Hamilton e un secondo tempo per uno stoico Valterri Bottas. E' anche grazie al finlandese che la Mercedes mette a segno la 66esima prima fila completa nella storia della Scuderia di Brackley e supera il record delle 65 della Ferrari. 

Al comando in Q1 e poi dietro al compagno di squadra, Valterri però non nasconde la delusione per aver concesso proprio a Lewis troppo terreno in Q3 senza aver sfruttato il testacoda dell'inglese: "Sono state delle ottime qualifiche per me fino alla seconda sessione. Mi sentivo a mio agio sulla W11 con entrambe le mescole e fin da subito sono riuscito ad azzeccare tutto e fare dei bei giri. Invece nel Q3 ho iniziato a sbandare con il posteriore, non so come mai. Lewis ha trovato qualcosa di più di me. Questo significa che ha fatto un ottimo lavoro oggi e merita la pole, complimenti a lui. Io sono un pochino deluso ma vedremo cos’è successo".

Hamilton l'alieno fa la pole n.91: "Risultato perfetto, pulito e mai scontato"

L'eterno "maggiordomo"?

A caldo è un Bottas amareggiato nonostante quella di domani sarrà la sua 29esima prima fila in carriera, la terza quest'anno e la seconda nel GP di Gran Bretagna. Una gara che sembra a due visto l'altissimo livello delle Frecce Nere, impensierite nemmeno troppo dal terzo tempo di Verstappen. Riuscirà Bottas a mettere a segno una strategia in gara per invertire il solito l'ordine di arrivo? "Penso che ci saranno opportunità in partenza perché c'è una lunga strada fino a curva 1. Lewis l’anno scorso ha vinto partendo dal secondo posto con una strategia diversa. Quindi penso che ci siano varie possibilità ancora aperte. Sicuramente anche ci sta dietro cercherà di rimescolare le carte. Vedremo”.

Gp Gran Bretagna, qualifiche, Leclerc: "Gran giro, assetto giusto"