Non si può dire certo che sia stato un venerdì tranquillo. La giornata di prove libere mattutine del Gp 70° Anniversario, dominate dalla Mercedes poi anche nel pomeriggio nelle Fp2, infatti è iniziata prima con un bel colpo di scena: la decisione della Fia di sanzionare e penalizzare la Racing Point con una multa da 400mila dollari e meno 15 punti nella Classifica Costruttori.

Verdetto che ha scosso tutto il Circus, scaldando gli animi dei suoi due schieramenti principali: da un lato la Racing Point e la Mercedes che faranno appello contro la Fia e dall'altro Renault, Ferrari e Red Bull su tutte intenzionate a fare ancora ricorso alla Federazione per avere una punizione più severa. 

Così per un Toto Wolff che dice: "La situazione è difficile ma il regolamento non è chiaro. Noi non pensiamo che Racing Point abbia violato le regole: polemiche e dispute di questo tipo non servono a nulla". C'è un Mattia Binotto che ha delegato la parte tecnica della Scuderia dandole responsabilità e autonomia e prima di parlare del settimo tempo di Leclerc e del quattordicesimo di Vettel (sempre alle prese con i dannati guai alla sua SF1000) al pomeriggio, pensa ai freni della Rp20. 

La Classifica Costruttori aggiornata: Ferrari è quarta!

"Dobbiamo stare attenti e decidee come procedere"

“Ci sono 24 ore per presentare eventualmente un appello, da capire se la penalità è sufficiente o meno - ha detto il team principal del Cavallino - . Non è possibile copiare una macchina solo dalle foto. Non è mai successo nella storia della Formula 1, non credo che il verdetto sia sufficiente. Quello di oggi è un verdetto solo sui freni, che può aprire a una discussione su tutta la vettura: ecco perché questa sentenza deve essere un punto di partenza È presto per dichiarare la nostra posizione. La nostra lettera alla Fia non riguarda solo le prese d’aria, ma l’intero concetto della vettura. Leggeremo le 14 pagine e decideremo come procedere. Dobbiamo stare molto attenti e vedere quale possa essere il prossimo passo”. 

Dopo il caso Racing Point poi il team principal torna a parlare della pista e dei giri a Silverstone che anche oggi hanno evidenziato la situazione difficile della Scuderia e sui problemi della SF1000: "In questa stagione cercheremo di progredire in modo regolare, già nel weekend scorso abbiamo portato una nuova ala più scarica. Questo vuol dire che a Maranello si cerca sempre di raggiungere vantaggi prestazionali in pista.

Nell’ultimo weekend Leclerc è stato molto bravo e abbiamo raccolto il meglio possibile, ora dobbiamo recuperare la confidenza di Vettel con la macchina. Questa mattina è stata utile per capire l’assetto e i dati delle gomme. Abbiamo visto che le gomme più morbide si sono comportate bene. Vettel ha girato con più carico, utile per capire l’assetto. E’ stata una mattina positiva".

Gp 70° anniversario, Leclerc: "Basta! Non sono razzista"