Una vittoria costruita sin dalle qualifiche, con l'acume tattico della squadra. Poi però è servito il piede di Max Verstappen per rendere realtà una strategia forte sulla carta, con l'olandese che è riuscito a spezzare l'egemonia Mercedes in questo 2020, ottenendo la prima vittoria stagionale. Dietro di lui le W11 di Hamilton e Bottas, vero sconfitto di giornata, davanti ad un grande Charles Leclerc. Fuori dai punti Vettel.

La gara giro per giro

Ritmi alti in avvio

Partenza ottimale di Verstappen, che ha bruciato subito Hulkenberg per la terza posizione mentre davanti a loro Bottas pensava a tenersi dietro Hamilton. Disastrosi invece i primi metri di Vettel, che è passato troppo interno in curva 1 perdendo il controllo della macchina, girandosi e ritrovandosi in ultima posizione. Fondamentale per il pilota Red Bull mettersi subito dietro alle due Mercedes, perché così facendo ha potuto mettere pressione a Bottas ed Hamilton, che infatti sono presto andati in crisi con le medie (Max aveva le dure): frangente ideale per il numero 33, che ha così costretto i campioni in carica a fermarsi presto per la prima sosta. 

Nessuno ferma Max

Verstappen invece è rimasto in pista, con un passo gara ottimale con le gomme dure: il suo pit-stop è arrivato al giro numero 26, ben 13 passaggi dopo Bottas, il quale è riuscito a tenere la prima posizione su Max, il quale con l'overcut era già riuscito a mettersi dietro Hamilton; l'olandese ha attaccato subito e Bottas non ha potuto niente. 

Bottas, altra beffa

In una corsa con molto degrado, Verstappen e Bottas sono andati di nuovo ai box insieme al 32° giro, per mettere tutti e due le hard. Hamilton invece è rimasto in pista, fermandosi ad appena 11 giri dalla bandiera a scacchi. L'inglese a quel punto ha spinto forte, passando uno straordinario Leclerc (bravissimo a completare tutta la corsa con appena una fermata all'attivo al giro 18) per poi mettersi a caccia del compagno Bottas e passarlo negli ultimi chilometri. Non c'era più tempo però per prendere Verstappen, che così è potuto volare verso la sua 9° vittoria in carriera. Hamilton ha chiuso così al 2° posto (con il punto del giro veloce), cogliendo il podio numero 155 della carriera: uguagliato il record assoluto di Michael Schumacher. Mesta terza posizione per Bottas, nuovamente battuto, con Leclerc che ha chiuso 4° davanti ad Albon, Stroll, Hulkenberg (unico su tre soste tra chi ha chiuso in top ten), Ocon, Norris e Kvyat. Solo 12° Vettel.