L'idea della Fia di imporre la stessa mappatura tra qualifica e gara fa discutere, e la diretta interessata pare essere la Mercedes, quella che ha il "party mode" più spinto del Circus. Un modo forse di limitare lo strapotere della Stella a tre punte, e sulla questione si è esposto anche Lewis Hamilton.

Vettel: "Amo il mio lavoro, voglio vincere ancora"

Nessuna sorpresa per Lewis

Le sue parole le ha raccolte il sito Racefans, ed ecco cosa ha detto Lewis: "Non è una sorpresa, provano sempre a rallentarci, ma non è un cambiamento enorme e per noi non sarà un problema. I ragazzi nella nostra squadra hanno fatto un gran lavoro sul motore, è ovvio che vogliono rallentarci ma non credo otterranno il risultato che vogliono". Quanto possono guadagnare i rivali? Difficile dirlo: "E' impossibile conoscere quanto gli altri motori possono ottenere quando danno tutto per la qualifica e se ne trarranno beneficio o no, noi non ci stiamo preoccupando, se la regola ci sarà varrà per tutti".

Leclerc: "Sarà una gara difficile per noi"

La questione sorpassi in gara

La stessa mappatura per tutta la corsa però potrebbe sfavorire i sorpassi in gara. Ecco come la vede Lewis: "Ogni team ovviamente ha differenti modalità, c'è quando rischi in termini di affidabilità e quando puoi salvare il motore, è così anche per noi. Anche in termini di strategia per i piloti, alcune volte utilizziamo differenti mappature a seconda se ci stiamo difendendo oppure attaccando. Per quando mi riguarda mi sembra che se dovremo tutti utilizzare la stessa mappatura per tutta la gara ci saranno meno sorpassi perché tutti correrebbero con le stesse mappature anziché 'giocare' con esse e provare a massimizzare la situazione, a volte usando più potenza ed a volte meno".

Gp Spagna: la chiave saranno ancora le gomme

A Sky, l'inglese ha confermato la sua idea: "Non penso che la nuova direttiva Fia possa darci uno svantaggio più grosso che ad altri, ognuno ha una mappatura per la qualifica, non credo che sarà un problema".