1 di 4

Leclerc, la frustrazione dopo il pit-stop

La corsa della Ferrari è stata in salita, difficile e senza soddisfazioni. I due piloti si sono ritrovati a dover combattere a centro gruppo disponendo di una vettura che faticava nelle curve e che soffriva nei rettilinei. I due piloti hanno anche duellato ad un tratto, con un leggero contatto tra i due alla staccata in fondo al Kemmel, con Vettel a difendersi e ad “accompagnare” il compagno fuori.

Gp Belgio, Binotto: "Nessuna crisi ma siamo in tempesta, responsabilità è di tutti"

Dal punto di vista dei team radio però la gara dei due ferraristi merita di essere rivista nella fase dei pit-stop. Nel primo caso, uscita la safety car, entrambi i piloti vengono chiamati ai box, con Riccardo Adami, ingegnere di Vettel, dietro a Charles in quel momento, che invita il suo pilota ad “aprire” il gap dal compagno di squadra per poter effettuare la sosta subito dopo quella del monegasco. Poco prima che Seb entri ai box però viene invitato a restare in pista, perché la sosta di Leclerc sarà lunga (la squadra deve effettuare un rabbocco alle valvole pneumatiche del motore), così il tedesco non rientra e si ferma successivamente, conquistando la posizione sulla vettura gemella.

F: Ferrari; CL: Charles Leclerc

Il team radio in questione riprende la gara al decimo giro, quando avviene l'incidente tra Giovinazzi e Russell e viene chiamata in causa la safety car. Leclerc sta per arrivare alla Bus Stop, quando il suo ingegnere di pista chiama Charles ai box per la sosta

F: Box adesso, box adesso
CL: Box?
F: Box adesso, box adesso

Leclerc entra in corsia box, e prima della sosta l'ingegnere comunica al suo pilota che la sosta sarà lunga

F: Il pit-stop sarà più lento, abbiamo bisogno di fare un refill dell'aria, il pit-stop sarà più lento

Fine pit-stop

F: Vai, vai, vai!

Ripartito dalla piazzola dei box, Charles sbotta convinto che la radio sia spenta

CL: Andiamo, porca p*** ! (Leclerc parla in francese, dicendo a quanto pare "P* de sa race")
F: Spegni la radio, spegni la radio. Pista libera. Abbiamo dovuto fare un refill dell'aria

Qui Leclerc dice qualcosa di poco chiaro, che sa comunque di scuse per la squadra, con l'ingegnere che non risentito gli dice di non preoccuparsi

F: Nessun problema, nessun problema
CL: Non sono stato molto gentile, comunque

Arriviamo poi al giro 24, quando Charles viene chiamato ai box per la seconda sosta. Il monegasco entra in pit-lane senza chiedere spiegazioni, facendolo solo dopo la fermata

F: Box adesso, box

Leclerc entra ai box

F: Avremo un pit-stop lento, pit-stop lento (la squadra deve effettuare la stessa operazione della prima sosta)

Leclerc riparte

CL: Cosa è successo? Perché abbiamo dovuto fare un altro pit-stop?
F: Te lo faremo sapere più tardi

A fine gara, Leclerc non dirà niente nel team radio, segno di una giornata molto frustrante per lui, al termine della quale si scuserà comunque con la squadra con questo tweet, che significa: “Sono desolato per il mo team radio, avrei dovuto spegnere le comunicazioni dopo il pit-stop. Non era mia intenzione farlo apposta”.

 

Gp Belgio: le 5 chicche del fine settimana

 

1 di 4