Romain Grosjean non è troppo sicuro di essere in Formula 1 anche nel 2021. Anzi, a dire la verità le sue speranze di far ancora parte del Circus anche l'anno prossimo sono alquanto ridotte: ci sono Nico Hulkenberg e Sergio Perez in cerca di un sedile, così come Mick Schumacher, Callum Ilott e Robert Shwartzman vogliosi di fare il salto di categoria. Motivo per cui il francese nato a Ginevra deve guardarsi intorno, e provare ad immaginare un futuro lontano dalla F1.

Mick Schumacher, che differenza tra F2004 e SF71H! "Il turbo cambia tutto"

Ovali? No grazie

A questo riguardo Grosjean ha detto quello che pensa di altri campionati, chiarendo il suo punto di vista e le sue ambizioni: "E' più probabile che resti in Europa. In America ovviamente c'è l'IndyCar che è un bellissimo campionato, ma non sono tentato dagli ovali, anzi un po' mi spaventano. Quindi per l'America ci sarebbero i campionati endurance, ma penso che per il futuro le hypercars alla 24 Ore di Le Mans e nel Wec possano essere una bella cosa. Anche la Formula E è sicuramente un'opzione, ci sono buoni piloti e buoni team. Per quanto riguarda la F1, ovviamente ognuno può fare i suoi conti e vedere quali sedili sono ancora a disposizione".

Alonso: "A me come a Vettel è mancata la Ferrari giusta"

La carriera di Romain

Dopo un debutto nel 2009 con la Renault, al fianco di Fernando Alonso, parecchio complicato, Grosjean era riuscito a ricostruirsi una carriera tra GT, GP2 ed AutoGP, ritrovando la via della F1 con la Lotus nel 2012. E' con la squadra nera e oro che Grosjean ha vissuto i suoi momenti migliori, prima del passaggio alla Haas nel 2016. Ad oggi Romain conta 176 presenze (174 partenze), 389 punti conquistati, 10 podi ottenuti ed un giro veloce.

Wolff: "Cambio un po' di cose, ma resto team principal"