Si prospetta un debutto sul bagnato, al Nurburgring, GP dell’Eifel, per Callum Ilott su Haas, quella di Romain Grosjean. Se sarà anche fortunato, il debutto, si vedrà. Condizioni meteo che sul week end in arrivo si preannunciano con un solido rischio pioggia e, soprattutto, temperature bassissime, non oltre i 15° C ambientali.

Commenti e solidità rivelano il pilota

Guenther Steiner anticipa quelle che saranno le raccomandazioni ovvie all’inglese di Ferrari Driver Academy, perché anzitutto conta non fare danni, poi massimizzare il tempo utile che offrirà la sessione. “Il programma sarà lo stesso, come se ci fosse uno dei nostri piloti titolari al volante. Forse gli diremo di fare un po’ di attenzione in più quando andrà in pista, essendo prevista al momento pioggia.

Sterzi a parte: Il turbo ibrido è il male assoluto

Proviamo sempre e lavoriamo al programma delle libere 1, fare il meglio possibile sapendo che per un pilota, essere alla sua prima sessione in un week end di Formula 1, c’è molta pressione e tante incognite”, spiega Steiner.

Non guardiamo troppo al tempo, osserveremo la sua regolarità e i riscontri che saprà dare alla squadra. È su questi fattori che giudichiamo un pilota, non sulla pura velocità, perché 90 minuti non sono un tempo sufficiente in un sedile di una macchina come la Formula 1. Cercheremo di gestire la sessione per avere feedback e in modo che lui viva una bella esperienza”.

Sochi, così curva 2 non va

Per un GP dell’Eifel al Nurburgring carico di attese e spettacolo, Nurburgring al rientro in calendario dopo 13 anni di assenza, c’è un recente passato, Sochi, finito nel mirino per le critiche dei piloti (non nuove) al disegno di curva 2. Steiner commenta allineato alle critiche di molti, a chiedere di rivedere la tracciatura e la via di fuga. Sarà una partita tra FIA e Rosgonki, promoter del GP di Russia.

Kart, a Lonato la follia di Corberi rovina il mondiale KZ

Lo scorso anno abbiamo avuto un problema e l’abbiamo fatto presente alla FIA. Non direi che è tutto sbagliato con quella curva, andrebbe solo rielaborata o, perlomeno, pensarci un po’ su come gestire la cosa.

Non è stata una sorpresa che ci siano stati ancora problemi quest’anno: fintanto che non cambierà nulla continueranno ad accadere le stesse cose. Speriamo non voglia dire avere altri incidenti, però la curva semplicemente non è fatta correttamente. Spero che, dopo un secondo anno di controversie, la modificheranno per il futuro. Non esiste niente come curva 2 in Russia su qualsiasi altra pista in calendario.

Un’unicità certo da non appuntarsi al petto.

GP Eifel, gli orari del week end in tv su Sky e Tv8