Occhi puntati sul box Alfa Romeo, venerdì mattina. E un occhio al cielo, a verificare previsioni meteo con la certezza di bassissime temperature ambientali più un rischio pioggia costante sul week end. Occhi puntati sul debutto di Mick Schumacher, che al Nurburgring guiderà la C39 di Antonio Giovinazzi, per un esordio carico di significati, a pochi chilometri da casa.

I rumours lo indicano con la tuta Alfa Romeo nel 2021, titolare accanto a Kimi Raikkonen. Scenari di mercato. Lui, Mick, in testa al campionato di Formula 2, guarda all’appuntamento che lo attende nel GP dell’Eifel consapevole d’essere il protagonista atteso in un venerdì mattina altrimenti da ordinaria amministrazione.

Vettel: 'In Ferrari ho fallito e ci sono stati dei motivi. Nessun rimpianto'

Dovremo vedere se riusciremo a girare. Purtroppo hanno solo un numero limitato di gomme e speriamo che non sia troppo bagnato, così da poter guidare almeno un po’. Viceversa, sarà più il tempo in attesa che non quello al volante. Speriamo di poter fare alcuni giri”, racconta in un’intervista alla tv tedesca RTL.

Esordi sotto l'acqua una costante

I limiti alla disponibilità di gomme intermedie (4 set) e full wet (3 set) restano il consueto fattore che può ridurre l’attività in pista al venerdì, in week end con un consistente rischio pioggia.

E Mick torna con la mente all’esibizione, allora Hockenheim, sulla F2004 dello scorso anno e non solo, ricordando: “Attualmente sembrerebbe sarà bagnato, penso che ogni volta in cui ho provato una nuova macchina è sempre stato bagnato. Sempre!”.

Nurburgring "inedito", servono tanti dati

Guidare per Alfa Romeo, dopo averlo fatto nei test giovani in Bahrain lo scorso anno, lo avvicinerà al programma ordinario di un fine settimana di gara: “mi concentrerò su me stesso provando a dare al team più dati possibile perché è un week end di gara, su una pista dove non corrono da molto tempo. Per questo hanno bisogno tutti i dati che si possono acquisire”.

L'editoriale del direttore: Aspettando i lampi del Nurburgring

Se le condizioni della pista consentiranno di girare, inevitabilmente l’occhio cadrà sul tempo, il particolare irrilevante tra tutti, come già anticipato da Guenther Steiner, lui in Haas a seguire Callum Ilott venerdì al Nurburgring.

Tanto l’inglese quanto Mick Schumacher avranno la scena per presentarsi, chiaro come il rapporto delle aspettative e il peso che si portano addosso sia straordinariamente diverso. "Ho molto rispetto, è la prima volta che guideremo davanti a tutti i team principal, i capi, gli amministratori delegati, davanti a tutte le squadre. Proverò a fare quel che potrò, mostrare quel che so e concentrarmi su me stesso, provando a fare del mio meglio”, conclude Mick.