Dal limbo in cui è rimasto sospeso per 6 mesi all’ufficializzazione: il Gran Premio del Vietnam è rinviato al 2021. Una delle novità in calendario, inizialmente programmata nel mese di aprile, è “caduta” sotto i colpi della pandemia. Dallo status di “rinviato” adesso gli organizzatori confermano la cancellazione.

Esclusiva: Ferrari, parla Simone Resta

Con la definizione delle due gare in Bahrain, prima del finale ad Abu Dhabi, insieme all’inserimento in calendario di Imola, Istanbul, Portimao, il calendario 2020 già nei fatti escludeva la possibilità di gareggiare sul nuovo impianto realizzato ad Hanoi.

Appuntamento al 2021

Non resta che seguire nei prossimi mesi l’evolversi della pianificazione pensata da Liberty Media per strutturare un calendario che, come anticipato da Chase Carey, tornerà a una parvenza di normalità: gare globali, quindi. Americhe e Asia dove tornare a correre e farlo con il pubblico: una necessità anzitutto finanziaria.

Gli organizzatori del GP del Vietnam, attraverso l’a.d. Le Ngoc Chi, hanno spiegato come “non siamo in grado di dare il benvenuto in Vietnam, nel 2020, alla serie del motorsport più avvincente e prestigiosa del pianeta a causa della pandemia di Covid-19.

È stata una decisione molto difficile da assumere per tutti noi, in definitiva però era l’unica possibile dopo aver attentamente esaminato tutti i criteri di sicurezza al pari dell’efficienza sotto le attuali condizioni. Vi ringraziamo del supporto e della comprensione durante questo periodo di incertezza”. Organizzatori che procederanno con il rimborso dei tagliandi.