Il vantaggio è destinato a essere sostanziale, perché interessa un elemento che non sarà “scenografico” quanto il – pure efficace (e vietato dal prossimo anno) – DAS ma oggetto di uno sviluppo estremo da parte di Mercedes.

Esclusiva: Ferrari, parla Simone Resta

Racing Point beneficerà nel 2021 - meglio: Aston Martin - della sospensione posteriore introdotta quest’anno dalla W11 e lo farà senza dover ricorrere ai gettoni di sviluppo, sistema concordato tra le squadre per governare uno sviluppo delle monoposto controllato, in un regime di congelamento tecnico su molte aree del progetto 2021.

Extra sviluppo con i gettoni

La cosa ha nei mesi scorsi indispettito non pochi team, Ferrari tra questi, per una possibilità ammessa dal regolamento e sulla quale non si sono registrate variazioni. La progettazione della sospensione posteriore 2020, per ammissione degli stessi tecnici Mercedes, ha percorso strade “avventurose” e ha offerto vantaggi sotto il profilo aerodinamico dall’installazione del triangolo inferiore con attacco arretrato sulla struttura di assorbimento degli urti.

Aston Martin ripetta i regolamenti

Vantaggi del quali potrà beneficiare la Aston Martin 2021, confermati dal direttore tecnico Andrew Green ad Autosport: “Le regole ci permettono di farlo, stiamo andando avanti e abbiamo risolto la questione con la FIA, per loro non ci sono problemi.

© sutton-images

Le regole per come sono scritte permettono ai team di portare le monoposto alle specifiche 2020, è qualcosa che ritengo sia equo. Solo perché abbiamo deciso di utilizzare la sospensione 2019 prima dell’inizio del Covid non dovrebbe rivoltarsi contro di noi, dovrebbe esserci consentito di aggiornare la macchina alle stesse specifiche di tutti gli altri. Per essere chiari si tratta di un aggiornamento alla sospensione 2020, non alla 2021. Quella che stiamo usando adesso è la 2019.

Quel che vorrebbero è penalizzarci e farci usare un pezzo vecchio di 2 anni piuttosto che portarlo all’aggiornamento. Non sarà come avere un vantaggio e introdurre pezzi 2021 sulla macchina, sarà solo portarlo allo stesso livello che hanno adesso gli altri”.

Una valutazione che in punta di “omologazione” non fa una grinza, se non fosse per il sostanziale sviluppo che l’elemento Mercedes, fornito a Racing Point e fuori dai divieti delle Listed Parts, introdurrà rispetto alla specifica 2019.