Come lui nessuno mai. Lewis Hamilton vince il Gran Premio del Portogallo e coglie la vittoria numero 92 della carriera, staccando Michael Schumacher fermo a 91 e diventando il pilota più vincente di sempre in solitaria. Bottas chiude al 2° posto davanti a Verstappen, giornata positiva per la Ferrari che piazza Leclerc 4° e Vettel 10°.

Kimi, che partenza!

Un inizio di gara caotico, con qualche goccia di pioggia a scombussolare la classifica. Ne approfittano le McLaren, con Sainz che con la morbida va a prendersi di forza la prima posizione davanti a Bottas ed Hamilton, molto guardingo nel primo giro, mentre Verstappen si tocca con Perez spedendolo ultimo. Da applausi Raikkonen, che guadagna addirittura dieci posizioni arrivando al 6° posto. Normalizzata la situazione, le McLaren (ma in generale tutti quelli con gomma morbida) iniziano a faticare e così le Mercedes si riportano davanti inseguite da Verstappen, con Leclerc di nuovo 4° dopo aver recuperato le posizioni perse nei primi chilometri. Tanti duelli in pista, il più caldo quello tra Stroll e Norris: incidente tra i due in curva 1 e tutti e due ai box mentre lottavano nella zona punti. Cinque secondi di penalità per Stroll, che diventano successivamente dieci per aver ecceduto troppo nei track limits.

Morto il padre di Vitaly Petrov, si indaga per omoicidio

Duello interno

Hamilton inizia a recuperare il distacco accumulato da Bottas nei primi giri per farsi sotto ed attaccare al giro numero 20, con il finlandese che non riesce a difendersi nel rettilineo principale. L'inglese inizia a staccare subito il compagno di squadra, andando in fuga, mentre dietro continuano i duelli, favoriti anche dal fatto di vedere strategie diverse per i piloti. Niente di preoccupante per le due Mercedes, che ritardano molto la loro sosta per mettere le dure (Hamilton dentro al giro numero 40, Bottas una tornata più tardi; Verstappen, partito con le morbide, si era fermato al 23° passaggio, Leclerc al 34°). Bottas aveva provato a chiedere le morbide per creare un'alternativa e provare ad attaccare Lewis, ma la squadra ha preferito lasciare entrambi sulla stessa strategia.

Quota 92

Davanti non cambia niente e Lewis Hamilton porta a casa il 92° successo, l'ottavo di questa stagione. Sul podio Bottas e Verstappen, quindi Leclerc, Gasly (bella la gara del francese con tanti sorpassi), Sainz, Perez (gran rimonta dopo essere scivolato in fondo al primo giro), Ocon, Ricciardo e Vettel, 10° a chiudere la top ten.