Un 4° ed un 10° posto che equivalgono ad un bottino di 13 punti. Questo è che quello che è riuscita a raccogliere la Ferrari a Portimao, ma più che i punti contava avere delle risposte dalle novità introdotte sulla SF1000. Aggiornamenti che hanno dato i loro frutti, con una Rossa che ha permesso a Leclerc di trovare un passo gara solido. Ora serve la controprova su altre piste, come ha detto Mattia Binotto.

Leclerc: "La miglior Ferrari dell'anno? Sicuramente sì"

Gli imprevisti della gomma media

Ai microfoni di Sky, il team principal della Ferrari ha affermato: "Dovevamo centrare il 4° posto e lo abbiamo fatto. Siamo soddisfatti per il ritmo gara, tutto sommato oggi la macchina si è comportata bene sulla distanza, sia su gomme medie che su quelle più dure. Sarei stato curioso di vedere la scelta soft più medium, perché le medie sono durate più del previsto e non ce lo aspettavamo ad inizio gara di poter fare una singola sosta con morbide e medie. Comunque siamo contenti, la vettura si è comportata bene. Oggi siamo stati davanti ai nostri attuali concorrenti diretti, ed anche Vettel partendo un po' più da dietro ha recuperato qualche posizioni e a pista libera ha tenuto un ritmo discreto. Quindi sono fiducioso guardando alle prossime gare, sono curioso ed interessato di confermare ad Imola tra una settimana la prestazione di oggi".

Hamilton: "Faccio fatica a trovare le parole"

Modifiche di Portimao in vista del 2021

Binotto ha proseguito soffermandosi sulle indicazioni in vista del 2021: "La gara di oggi era importante perché abbiamo fatto alcune modifiche che sono una scelta sulla direzione di sviluppo dell’anno prossimo. Ci aspettavamo delle risposte e queste risposte sono arrivate, il percorso pensiamo sia quello giusto e la direzione presa è quella che consideriamo essere quella corretta. Sappiamo che strada prendere ed in che direzione andare in questo momento. A casa sono tutti concentrati, stiamo spingendo il più possibile sull'anno prossimo".

Macchine uguali. E stoccatina a Seb

In conclusione, a domande precisa il team principal della scuderia di Maranello ha chiarito che la macchina tra i due piloti è esattamente la stessa: "Le vetture sono assolutamente identiche, su questo non c'è dubbio. Io spero che (Seb) possa fare una buona qualifica ad Imola, partire più avanti e far valere un po' di più la sua capacità di guida anche in gara. Charles sicuramente è molto bravo, però ci si aspetta forse anche qualcosa di più da un secondo pilota".

Vettel autocritico: "Non posso essere soddisfatto del 10° posto"