Verso Imola per scrivere un altro pezzetto di storia, incamerare il settimo titolo Costruttori consecutivo e archiviare la prima pratica del 2020. Quella di Mercedes appare come una formalità, visti i 209 punti di vantaggio su Red Bull a 5 GP dal termine.

GP Emilia Romagna, a Imola si correrà a porte chiuse

Dopo Imola resteranno “in palio” 176 punti, posta massima di 4 doppiette e altrettanti giri veloci in gara, ammesso che Verstappen-Albon riescano a inanellare un tale score (e i due Mercedes non vedano il traguardo...). Così, appare plastica quale sia la vicenda sul mondiale Costruttori.

90' per apprendere in fretta

Al di là dei numeri e dei traguardi, Toto Wolff guarda al GP dell’Emilia Romagna, al formato su due giorni e un solo turno di prove libere, da 90 minuti. “Vivremo una programmazione insolita, senza attività al venerdì e una sola sessione al sabato mattina. Abbiamo avuto un’imprevista anticipazione di cosa vuol dire al Nurburgring.

Possiamo attenderci una sessione di prove libere densa di impegni, nella quale le squadre proveranno a massimizzare il temo in pista per preparare al meglio la qualifica e la gara. Sarà importante centrare il tasso più rapido di apprendimento per massimizzare la competitività in qualifica e gara”.

L'editoriale del Direttore: E ora esaltiamoci grazie a Imola!

A Imola tutti i team arriveranno con le simulazioni condotte in fabbrica, certo non completamente "al buio”, come peraltro già avvenuto al Mugello. A fare la differenza sarà la rapidità con la quale si troverà la messa a punto ottimale, in un’ottica di qualifica da privilegiare, viste le difficoltà di sorpasso che si attendono.

“Quest’anno sui nuovi circuiti abbiamo assistito a gare avvincenti e il format di week end corto vivacizzerà ancor di più le cose, i tifosi possono attendersi un week end interessante”, prosegue Wolff, prima di guardare ancora a Portimao e l’uno-due portato a casa.

Portimao un passo verso l'obiettivo

“Abbiamo mostrato un buon passo una volta che le gomme sono entrate nella loro finestra e abbiamo lasciato il Portogallo con il massimo dei punti, incrementando il divario in entrambi i campionato, nella direzione del nostro obiettivo assoluto quest’anno. Adesso ci prepariamo a Imola, un’altra pista che non abbiamo visitato per molto tempo. È un circuito con tanta storia ma sul quale il team Mercedes non ha mai corso prima, ci sono diverse incognite, è fantastico tornare in Italia ancora una volta per la terza gara diversa quest’anno”.

Aston Martin-Mercedes, il legame si rafforza: tecnologia in cambio di azioni