George Russell può finalmente tirare un sospiro di sollievo? Molto probabilmente sì, ed a dirlo è stato direttamente il suo team principal, Simon Roberts, nella conferenza stampa del GP dell'Emilia-Romagna.

Ufficiale, Kimi e Giovi restano con Alfa Romeo-Sauber


La vecchia conferma di Claire ed il pericolo Perez

Nonostante l'inglese, insieme a Latifi, fosse stato confermato per il 2021 quando ancora la scuderia era in mano di Frank e Claire Williams, le ultime voci parlavano di un Russell a rischio causa Sergio Perez, che avrebbe portato a Grove una buona dose di sponsor e quindi di soldi. Roberts però ha voluto fare chiarezza dopo la scorsa settimana, quando si era rifiutato di confermare entrambi i suoi piloti.

GP Emilia-Romagna, week-end breve un vantaggio per la Ferrari


Mea culpa di Roberts

Ad Imola, il team principal della Williams ha affermato: "Probabilmente ho causato un po' di confusione la scorsa settimana e mi dispiace. Non vogliamo commentare la posizione dei piloti, come già affermato da George, Claire li aveva già annunciati. Niente è cambiato e questa è la nostra formazione per quest'anno e l'anno prossimo. Siamo molto contenti di loro e guardiamo avanti per continuare a lavorare con loro".

Alonso presente ad Imola, poi test in Bahrain


La gioia di Russell

Sulla stessa linea Russell: "Niente è cambiato. L'annuncio era avvenuto in precedenza. Ovviamente ci sono state molte speculazioni, e come avevo detto ci sono tanti buoni piloti sul mercato, ma io siederò sulla Williams nel 2021, questo è quello che posso dirvi. E' sempre una buona cosa avere stabilità, e non è mai piacevole sentire speculazioni sul fatto che il tuo posto di lavoro sia potenzialmente in palio. Tuttavia ero fiducioso su ciò che avrei potuto fare in pista, ho dovuto far parlare la pista ed ero fiducioso che niente sarebbe cambiato per il 2021 nonostante le voci. Penso che molte dicerie siano state alimentate da membri di altri team o da persone che circondano i piloti per sollevare queste questioni nelle ultime due settimane. Sono decisamente felice e lieto di poter continuare questo viaggio".

Binotto, nel 2021 una Ferrari regolarmente da podio