Non è sbagliato dire che siamo di fronte ad una svolta quasi epocale, se si riesce a cogliere il senso della decisione. Per il mondo dei motori in salsa femminile, la notizia apre ad uno scenario mai visto e ad un futuro, è proprio il caso di dirlo, più roseo che mai. La W Series, categoria dedicata alle donne, nel 2021 accompagnerà la Formula 1 per otto week-end di gara, ottenendo una visibilità mai avuta prima.

Esclusiva, Felipe Massa racconta la Turchia: "Istanbul 2006 una svolta per la mia carriera"


La W Series garantirà punti per la Superlicenza

Nato nel 2019, con la vittoria della britannica Jamie Chadwick, il campionato "rosa" aveva subito dovuto fermarsi causa Covid, rinunciando a disputare la stagione 2020. Dopo un anno di stop ecco però questa bella notizia, una spinta notevole al movimento femminile nelle corse. Catherine Bond Muir, amministratore delegato della W Series, ha commentato con entusiasmo la notizia: "Dopo una stagione inaugurale di grande successo, siamo lieti di collaborare con la Formula 1 nel 2021 e oltre. La Formula 1 è la serie regina nel mondo dei motori, e quando promettevamo che la W Series sarebbe stata più importante e migliore in futuro, avevamo in mente l'idea diventare partner della F1. Senza dubbio adesso la W Series svolgendosi accanto alla F1 avrà un'esposizione mediatica, un impatto e un'influenza che aumenteranno notevolmente a livello mondiale. Tutto ciò che ha reso la W Series così popolare e di successo nel 2019 rimarrà, avremo le stesse vetture, una lotta dura e serrata, con la missione di migliorare le prospettive delle pilotesse. Vogliamo che la W Series sia fonte di intrattenimento, e intratterrà. Il fatto che la W Series permetterà di ottenere punti validi per la Superlicenza è un altro fattore molto importante da tenere in considerazione". 

GP Turchia: che sfida Istanbul, non chiamatelo tilkodromo


Quali gare?

Resta ora da capire in quali fine settimana di gara la W Series accompagnerà la F1. La Formula 2 e la Formula 3 sono già state divise (Bahrain, Monaco, Azerbaijan, Gran Bretagna, Italia, Russia, Arabia Saudita ed Abu Dhabi per la F2, Spagna, Francia, Austria, Ungheria, Belgio, Olanda ed Usa per la F3), ottenendo tre gare a week-end ciascuna. La W Series potrebbe ereditare le altre otto gare previste dal calendario, ma correrebbe per lo più su tracciati extra europei, con costi non indifferenti, oppure potrebbe essere inserita in altri fine settimana insieme a F1 ed a turno F2 o F3 ed arricchire il programma in pista divenendo il terzo campionato a solcare il circuito.

Vettel: "Istanbul pista completa"