Annata complicata per l'Alfa Romeo-Sauber, con il team elvetico che domenica scorsa ha raggiunto le 500 presenze in F1. Un traguardo festeggiato senza un arrivo in top ten, in una stagione con ben poche soddisfazioni e con soli 5 punti raccolti fin qui. Ma potrebbe andare pure peggio, forse, se a lavorare non ci fosse una coppia affiatata come quella composta da Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi. Un rapporto basato su stima reciproca ed un'amicizia fuori dalle piste, come detto qualche mese fa dal finlandese.

F1, oltre il 2021: 24 GP ed eventi a rotazione

Il confronto con Kimi mette pressione

Dal punto di vista di Antonio, avere Raikkonen in squadra gli permette di avere un punto di riferimento importante ma anche un paragone scomodo, perché il finlandese ha esperienza ed una velocità pura che secondo il pugliese ancora c'è, come spiegato alla testata GPFans: "Con Kimi hai pressione ad ogni gara, perché con l'esperienza che ha riesce a mettere tutto insieme ogni fine settimana e diventa difficile batterlo o stargli davanti. Penso che Kimi sia ancora un pilota molto forte, molto veloce e forse ancora uno dei migliori in griglia, e se vuoi batterlo devi fare tutto alla perfezione. Per cui, c'è pressione ad ogni fine settimana".

GP Arabia Saudita, il paragone tra Jeddah e Monaco

Il rinnovo conta fino ad un certo punto

I due correranno insieme anche nella prossima stagione, con la conferma arrivata a ridosso del Gran Premio dell'Emilia-Romagna ad Imola. Un annuncio che Giovinazzi ha spiegato non aver avuto ripercussioni sul suo modo di fare: "Penso che mentalmente possa fare la differenza, ma non in generale. Quando firmi un contratto ti senti più rilassato, ma questo non cambia la mia qualità di guida".

Ferrari, nei test ad Abu Dhabi Shwartzman e Fuoco