Un messaggio importante, applaudito da tutti. Un messaggio però che si è tradotto anche in qualcosa di concreto, per la precisione in 225.000 euro. E' stata questa la cifra a cui è stato battuto all'asta il casco che Sebastian Vettel ha indossato nei GP di Turchia e Bahrain.

Test Abu Dhabi, day-1: svetta il "giovane" Alonso, Schumacher 15°

Il messaggio di Seb

Il casco di cui parliamo è quello su cui nella parte inferiore sono raffigurate persone di razze diverse tutte quante insieme in un abbraccio ideale contro la disuguaglianza. Il tutto è accompagnato da uno sfondo bianco e grigio e dall'arcobaleno posizionato dove nel casco standard giaceva la bandiera tedesca. L'arcobaleno era un richiamo al "Race As One" (infatti sul casco è presente la scritta "Together as one", un chiaro richiamo) promosso dalla Formula 1, che ha appoggiato l'iniziativa del pilota. Vettel, in Turchia, aveva presentato così il casco: "E' il messaggio ad essere decisivo,, ne abbiamo parlato spesso ad inizio anno ma certe cose finiscono sempre per essere dimenticate in fretta. E' questo il posto giusto per trasmettere questo concetto, quello della diversità. Dobbiamo toglierci il paraocchi ed accettare che delle differenze ci sono, ma ognuno di noi non deve farne. Tutti devono essere accettati per quello che sono, non vanno suddivisi in 'categorie' o cose così. Perché sia questo il posto giusto per mostrare questo casco? Credo che si spieghi da solo”. In aggiunta, la scritta “Nessun confine, solo orizzonti, solo libertà, tutto in inglese, frase ispirata ad  ad Amelia Earhart, la prima donna aviatrice a compiere la trasvolata atlantica. I soldi ricavati saranno devoluti tutti in beneficienza a due associazioni, la “Children a Chance”, in Uganda, e la “Des sourires pour le Togo”.

Grosjean: operazione in vista, ma lui ci scherza su

La girandola dei caschi

A proposito di caschi, dopo lo scambio con Charles Leclerc, Sebastian Vettel è stato protagonista anche di uno scambio con Sergio Perez. Un gesto che ha fatto notizia, anche perché sarà proprio il tedesco a prendere il posto del messicano nella futura Aston Martin. Un segno di grande sportività tra i due. Inoltre, lo stesso Perez ha scambiato il casco anche con l'ormai ex compagno di squadra, Lance Stroll. Lo scambio dei caschi a fine stagione è una pratica comunque tra i piloti ed anche quest'anno non c'è stata eccezione.