Centocinque giri, praticamente la simulazione di un week end di gara, come quando sei alle porte della Formula 1 e devi imparare. Simulazione di giro veloce, di long run e pronti in vista del 2021. Ecco, programma che per Guanyu Zhou non fa una piega, anche se lui non ci sarà, in Alpine il prossimo anno.

Ci sarà Fernando Alonso, miglior tempo di giornata nei test ad Abu Dhabi, su gomma C5. Una giornata che in Renault spiegano come “l’obiettivo fosse consentire a entrambi i piloti di abituarsi sempre più alle moderne macchine con simulazioni di qualifica e basso livello di benzina e run con tanta benzina”.

Giro veloce da qualifica

Naturale, quindi, confrontare l’1’36”333 di Alonso con i tempi staccati da Ricciardo e Ocon al sabato del GP di Abu Dhabi, in condizioni climatiche simili: in Q2 Ricciardo non è andato oltre l’1’36”406, Ocon 1’36”359.

“E’ stato bello e molto piacevole tornare in macchina, soprattutto con la squadra corse. Ho provato la macchina 2018 ma questa è un po’ più seria e ha acceso un po’ lo spirito competitivo.

È stato fantastico sentire le macchine moderne e vivere quel che riescono a fare. Ho osservato i progressi della squadra da vicino nel week end ed è stato bello sperimentare quel che ho imparato dall’esterno e poi, oggi, da dentro l’abitacolo”, racconta Alonso.

“Ci siamo occupati di validare molte cose basilari che avevamo svolto in fabbrica tra i preparativi, come il sedile, la posizione della pedaliera e così via, è un vantaggio con appena un giorno e mezzo di test invernali il prossimo anno.

Abbiamo smarcato le caselle oggi e andiamo verso Natale e il nuovo anno con il giusto spirito e tutti motivati nel team”.