Le critiche a Valtteri Bottas quest'anno, soprattutto nella seconda parte di stagione, si sono sprecate. Il finlandese è stato accusato di non essere un rivale credibile per Lewis Hamilton, soprattutto dopo aver faticato nel confronto con George Russell in occasione del GP di Sakhir. Il sette volte campione del mondo però ha difeso il compagno di squadra, affermando di stimarlo molto non solo in pista ma anche fuori.

Wolff, macchine più lente nel 2021

Confronto interno molto duro

Queste le parole del numero 44 della Mercedes raccolte da Motorsport: "Valtteri non deve giustificare le sue prestazioni, e non sento di doverlo fare nemmeno io. Credo che lui abbia continuato a lavorare, siamo stati molto molto vicini nelle qualifiche, soprattutto quest'anno. Non è facile avere compagni di squadra forti, è una battaglia costante che va avanti tutta la stagione, sia mentalmente che emotivamente". 

Leclerc sul 2020: "Anno da non cancellare, dai momenti difficili si impara di più"

Sfida anche nel 2021

L'inglese ha proseguito: "La cosa bella è che noi ci battiamo duramente in pista, ma quando siamo fuori, riusciamo a mantenere un rapporto di lavoro da gentiluomini. Questa penso sia una grande dimostrazione della sua personalità e del suo carattere di uomo. Farà altri passi avanti il prossimo anno, per cui devo trovare un modo per avere un po' più di velocità per la nuova stagione".

F1 2020, il pagellone dei team. VIDEO