E' come parlare alla pancia dei tifosi, tanti dei quali saranno d'accordo con lui. Il ritorno ai vecchi motori aspirati ha uno sponsor d'eccezione, Bernie Ecclestone, che ha espresso senza peli sulla lingua la sua opinione riguardo agli attuali motori ibridi. In poche parole, secondo lui le power unit sono da togliere al più presto.

Briatore, fiducia in Brivio: "Anche io ero a digiuno di F1, poi ho vinto 7 mondiali"


La ricetta di Bernie

A Motorsport Magazine, Mr E ha detto: "Rispolveriamo i vecchi motori aspirati. Tutti li hanno pronti, i costi andrebbero giù, il rombo tornerebbe, e potremmo usarli per cinque anni mentre prepariamo il propulsore del futuro. La F1 non deve avere un ruolo guida per l'industria dell'auto. Le persone lo dimenticano, ma la Formula 1 è intrattenimento, un businness, e quando smetti di divertirti finisci anche col business. Ci saranno molti cambiamenti nel mondo, tutti avranno auto elettriche, anche i politici guarderanno a questo, non ci sarà più spazio per le auto a benzina in città. Le persone diranno 'Ehi, come mai queste F1 non sono elettriche?', mentre i costruttori la smetteranno di produrre auto a benzina o diesel nei prossimi anni".

Davide Brivio, chi è l'uomo al timone di Alpine


L'esempio Red Bull-Honda

Poi Ecclestone ha continuato spiegando: "La Honda se ne andrà, la Red Bull rileverà il motore ma solo se gli altri saranno favorevoli al congelamento, altrimenti proseguiranno spendendo Dio sa quanto per continuare a stare davanti. Liberiamoci di questi dannati e sciocchi motori che abbiamo adesso. Il pubblico non è interessato a quanto siano efficienti, a quanta benzina usino o quanto potenti siano. Max (Mosley) disse che il rumore non contava ma io penso di sì, è sempre contato".

Aston Martin, Stroll sr fissa gli obbiettivi con l'aiuto di Vettel