Ha concluso il periodo di quarantena, 14 giorni trascorsi nella sua camera d’albergo a Dubai, dal 4 gennaio in cui Lando Norris ha scoperto la positività al Covid-19. Il pilota McLaren si trovava nell’emirato per un periodo di vacanza, al quale avrebbe fatto seguito l’avvio della preparazione fisica.

Il Covid-19 ha cambiato i piani e costretto Lando – che ha riportato lievi sintomi della malattia, come comunicato a seguito della positività – al confinamento per 14 giorni. Periodo che si è concluso lo scorso lunedì e, adesso, consente a Norris di programmare il rientro nel Regno Unito.

L'editoriale del direttore: La favola della bella addormentata nel box

Dovrà ottenere l’ok sotto forma di un tampone con esito negativo prima di imbarcarsi su un volo che lo riporti nel Regno Unito, dove a sua volta sarà soggetto a un periodo di ulteriore isolamento, in un Paese gravemente colpito nelle ultime settimane da un’accelerazione dei contagi, che ha portato nella giornata di mercoledì a registrare oltre 1.800 decessi.

Secondo quanto confermato dalla McLaren a F1.com, una volta nel Regno Unito Norris si recherà in fabbrica solo se strettamente necessario.