Il rinnovo tra Hamilton e la Mercedes non è ancora stato ufficializzato, ma il ritardo non è dovuto a questioni salariali, parola di Stefano Domenicali. Alla testata RaceFans, il nuovo presidente della Formula 1 ha parlato della questione più chiacchierata dell'inverno, ovvero quella del rinnovo del sette volte campione del mondo che tarda ad arrivare.

Domenicali, torna in ballo l'idea della gara sprint al sabato

Lewis e l'ottavo titolo

Domenicali ha dato il suo punto di vista: "Non sono nella testa di Lewis e nemmeno nella posizione di Toto, ma qui stiamo parlando di prendere una decisione molto importante per la sua vita. Spero vivamente di poter avere presto questo annuncio perché ciò per cui andrà a lottare quest'anno è qualcosa di incredibile dal punto di vista sportivo. Posso solo immaginare la pressione e la dinamica di come voglia ottenere questo nuovo record perché sarebbe una storia da raccontare".

Rinnovo Hamilton, Hill: "Due anni di contratto e veto sul compagno di squadra"

Il nodo è il futuro insieme

Ciò a cui si riferisce l'ex team principal della Ferrari è ovviamente l'ottavo alloro iridato di Lewis Hamilton, che nel 2021 potrebbe divenire il pilota più titolato di sempre. "Penso stiano discutendo su molti punti - ha continuato Domenicali -, non credo si tratti di un problema di ingaggio o come lo si vuole chiamare. Sono dell'idea che si tratti di qualcosa molto più legato a cosa abbiano in mente per il futuro insieme, penso sia questa la ragione del ritardo. Ma magari non hanno fretta perché sono già d'accordo, non possiamo mai sapere. Per me però sarebbe davvero bello non appena avremo l'annuncio vedere Lewis con la stessa energia che ha sempre dato alla Formula 1, sono sicuro sarà così".

Hamilton ed i record ancora da battere

Lewis e la nuova dimensione della F1

Sul pilota, Domenicali ha espresso solo belle parole: "E' un pilota incredibile, ed anche un uomo incredibile ed un atleta incredibile. Sta dando alla F1 una differente dimensione che va oltre lo sport, dire. Dunque, non appena sapremo quale sarà il suo futuro, penso sarebbe bello vederlo combattere per qualcosa che nessuno avrebbe mai immaginato potesse essere raggiungibile dopo il ritiro di Michael".

Mercedes W12 E Performance, ecco la data di presentazione