Si appresta a un’altra stagione da jolly, Nico Hulkenberg. Il 2020 gli ha offerto due occasioni colte al volo e nelle quali ha fatto parecchio bene, con Racing Point.

E dell’ambiente Aston Martin è destinato a far parte quest’anno, nei panni di tester e terzo pilota, ruolo in pianta stabile, pronto a tornare al volante se gli imprevisti della pandemia dovessero ripetere il copione scritto lo scorso anno.

L'editoriale del direttore: forza Fernando

Intervistato dall’edizione tedesca di GQ, Nico ha raccontato come mi piacerebbe restare nell’orbita della Formula 1 e provare a trovare un sedile stabile per il 2022.

Chissà cosa accadrà quest’anno, lascerò che le situazioni arrivino e dovrò solo fare come nel 2020”.

Formula 1 non a tutti i costi

Una posizione in Aston Martin vorrebbe dire anche contribuire allo sviluppo al simulatore e sappiamo quanto lo scorso anno il team abbia preso in considerazione le valutazioni di Hulkenberg sulle regolazioni della sospensione della RP20.

Guardando alla stagione passata, il pilota tedesco ricorda: “C’erano state trattative per correre ma non sono andate a buon fine e per questo mi sono detto: non continuare a ogni costo, fermati un anno e anche a rischio di non tornare più. Ho trascorso 10 anni belli in Formula 1 e non sono il tipo di persona che vuole continuare a guidare, soprattutto non nelle retrovie e giusto per esserci”.

Szafnauer: con Vettel è come avere un ingegnere al volante