Verstappen, Perez e una terza giornata di test invernali divisa tra i due. Così, Red Bull, decide di organizzare il lavoro nella tre giorni di prove in Bahrain, in un programma che prende forma e vedrà Max scendere per primo in pista venerdì 12 marzo.

Occhi puntati sulla RB16B, assente dai radar dalla presentazione virtuale, nonostante un filming day condotto a Silverstone. Del nuovo progetto, Verstappen dice come "ci sono modifiche e si sente la differenza rispetto allo scorso anno. È piuttosto diverso il fondo e la macchina si comporta diversamente, però le giornate di filming day non sono incentrate sul lavoro sull'assetto, è qualcosa che faremo in Bahrain".

Promossa la formula dei test accorciati

Un anno fa, da Barcellona, i tempi raccontarono chiaramente come Red Bull avesse ancora un gap di diversi decimi dalla Mercedes. Poi, all'apertura stagionale, non mancarono problemi di affidabilità e di prestazione legata al bilanciamento aerodinamico del retrotreno nello specifico. Un anno di sviluppi continui, fino alla vittoria di Abu Dhabi e una RB16B che dovrebbe ripartire con i punti fermi trovati nel corso del 2020. Salvo la novità, rilevante, delle limitazioni regolamentari alla prestazione aerodinamica: chi avrà recuperato la maggior fetta di deportanza? 

Max guarda ai test di Bahrain, pista diversissima per i giudizi che saranno possibili sulla prestazione del progetto se paragonata a Barcellona. "È sempre entusiasmante correre i week end di gara, prima però abbiamo tre giornate di test in Bahrain e sarà importante percorrere molti chilometri e sentirsi a proprio agio in macchina. Così si può iniziare il primo week end di gara preparato al meglio.

Sarà solo una giornata e mezza di test per ciascun pilota, però mi piace. Penso che i 6 giorni che avevamo prima fossero molti: amo guidare la Formula 1, però non c'è competizione nei test. Mi va bene fare un giorno e mezzo di test".

Con Perez all'attacco di Mercedes

L'obiettivo resta quello di sempre, provare a insidiare Mercedes. Accanto avrà un Sergio Perez che porterà altra solidità e rendimento, perlomeno questa è l'attesa rispetto alle ultime due stagioni nelle quali Red Bull ha corso sostanzialmente con una sola punta. "Sergio è da molto tempo in Formula 1 e ha dimostrato di essere un ottimo marcatore di punti, spero potremo come squadra rendere la vita difficile in particolare a Mercedes, essendo loro i favoriti", dice Verstappen, che sul futuro - da leggere anche in un'ottica mercato piloti 2022 e quel che avverrà in Mercedes con Hamilton - aggiunge: "Al momento dobbiamo concentrarci sulla stagione che ci attende e provare a lavorare nel miglior modo possibile con Honda. Quel che accadrà in futuro è ancora un punto interrogativo, di certo so che tutti daranno il loro meglio e spingeranno a tutta per farcela".  

Test in Bahrain, i piloti in azione

12 marzo

13 marzo

14 marzo

Haas

Schumacher/Mazepin

Mazepin/Schumacher

Schumacher/Mazepin

McLaren

Ricciardo/Norris

Williams

Nissany

Latifi

Russell

Ferrari

Leclerc

Red Bull

Verstappen

Perez

Perez/Verstappen