“Una partenza orribile per noi”. Non usa giri di parole Toto Wolff per commentare il primo giorno e mezzo di test invernali. Preoccupa l’affidabilità, con la trasmissione che ha fatto perdere mezza giornata di lavoro a Bottas e all’Aston Martin - motorizzata Mercedes - di Vettel, e preoccupa anche il bilanciamento della W12, ancora non ottimale.

Il poco tempo a disposizione per le prove ha messo in crisi anche i campionissimi che devono fare i conti con una vettura che tende al sovrasterzo, come provato dal fuoripista di Hamilton. Un inizio in salita, non da Mercedes

Test Bahrain, la diretta minuto per minuto

I problemi della Mercedes

“Non abbiamo iniziato come gli altri anni - Ha proseguito ai microfoni di Sky Sport F1 - Non siamo veloci e abbiamo problemi di affidabilità. E’ una situazione difficile, ma che ci mette nelle condizioni di dimostrare che il nostro metodo di lavoro ci permette anche di rimediare, in breve tempo, a condizioni di partenza avverse. Ora dobbiamo solo spingere”.

Se il posteriore “leggero” della W12 sembra un problema superabile lavorando sugli assetti, cosa preoccupa davvero è il cambio. Due rotture diverse, in due giorni, sono un brutto segnale. “E’ un campanello d’allarme che dobbiamo controllare - ha confermato Wolff - Non abbiamo ancora capito cosa sia successo, d’altronde non abbiamo modificato il design del cambio e queste rotture sono abbastanza gravi in termini di affidabilità e anche di costi per le eventuali correzioni delle parti”.

In appena 36 ore sono andate storte talmente tante cose a chi è abituato ad avere ritmi da rullo compressore, da giustificare un certo nervosismo nel box.

Red Bull avversario pericoloso

“Hamilton non è nervoso, noi non siamo nervosi - ha tagliato corto Wolff - Ci sono parti nuove da provare, sappiamo che ci sono delle questioni da risolvere. Al momento, siamo concentrati sulla ricerca del bilanciamento ottimale”.

I km di test fatti fino ad ora hanno detto che i valori si sono avvicinati e che la Red Bull è una seria candidata a recitare il ruolo di protagonista nel primo GP e poi, chissà, di lepre in fuga per tutta la stagione.

“Verstappen ha iniziato bene, la Red Bull ha fatto una partenza alla Mercedes - ha concluso scherzando Toto - possono competere con noi ad armi pari. Ma siamo in una fase in cui tutti si nascondono, non sappiamo i carichi di benzina e le mappe delle PU dei nostri avversari. La situazione sarà più chiara dopo le qualifiche del GP del Bahrain”.