Il personaggio non può certo accusarsi di essere politicamente corretto, cerchiobottista;, piuttosto, Nelson Piquet non usa mezzi termini nel dire come "se Max guidasse per Mercedes, sono certo che schianterebbe Hamilton". 

Max guida una Red Bull che, da quanto visto in Bahrain, alla Mercedes è stata superiore nell'arco di tutto il week end, ed è stato solo grazie alla strategia che Mercedes ha ribaltato lo scenario e portato Hamilton a giocarsi la vittoria. Il resto è storia, la battaglia in pista, il sorpasso di Max, la posizione restituita per aver effettuato il sorpasso oltrepassando i limiti del circuito.

La premessa e l'opinione

Il punto di fondo è una battaglia che si prospetta alla pari, Verstappen contro Hamilton, che ha messo del proprio (e tanto) nel garantire il risultato in qualifica e gara. Nelson Piquet articola il concetto di un Verstappen superiore "con asterisco". Un po' come quelle note a fondo pagina. "Anzitutto, dobbiamo considerare come la Formula 1 sia una categoria con macchine diverse tra loro, è molto difficile quindi fare un confronto diretto tra due piloti se non sono nella stessa squadra", dice ad Autosport Piquet.

L'editoriale del direttore: E alla fine vince Hamilton

Come dargli torto, saggezza pura. Poi, la convinzione personale: "Però se Max guidasse per Mercedes, sono certo che schianterebbe Hamilton. Max è più aggressivo, può commettere errori con maggior frequenza a causa della propria aggressività, però a mio avviso è migliore di Hamilton". Un giudizio netto, non senza un "conflitto d'interessi", visto il rapporto tra Max e Kelly Piquet, figlia di Nelson. 

Lewis e la colpa originaria

Il 2021 può essere il campionato che restituisce a Lewis la percezione pubblica di una grandezza spesso quasi "ridimensionata", perché accanto senza un pilota di pari statura o, quantomeno, stimolante e "fastidioso". "Le cose sono troppo facili per Hamilton, che vince tutto con Bottas al suo fianco. È un po' come accadde a me e Mansell in Williams, e gli altri piloti molto distanti-Vinsi il campionato nel 1987, però fu così facile, la macchina era di gran lunga superiore alle altre. E Mercedes è stata di gran lunga migliore negli ultimi anni", prosegue Piquet. 

Una W12 meno super, molto più "terrena", per ammissione dello stesso ambiente Mercedes senza un chiaro punto di vantaggio nei confronti di Red Bull, depone a favore di un campionato divertente e combattuto, nel quale il GP del Bahrain può essere un atto di 23. 

Berger, Vettel conferma di non amare la pressione

"Non è che Hamilton non sia bravo, però accanto ha un pilota inferiore e il prevedente era anche peggio (Rosberg). Vinse perché fu un anno in cui Hamilton ebbe incidenti e ritiri".