Il primo Gran Premio stagionale è servito a fissare un punto di partenza per Sebastian Vettel. Già nel giro di rientro, via radio, a spiegare che c'era molto da analizzare e di cui parlare. Temi da debrief, capire cosa non va ancora sulla AMR21. 

È qualcosa in più della "pressione" sotto la quale Vettel si conferma non essere a proprio agio, ci sono elementi tecnici da risolvere, su un progetto Aston Martin penalizzato dalla filosofia progettuale abbinata alle novità del regolamento tecnico.

Sebastian non c'è ancora ma ci sarà

"Abbiamo corso solo una gara, abbiamo solo un punto di rilevamento, sì non è stata la migliore delle gare ma se guardiamo gli aspetti positivi, è dovuto partire ultimo, stava correndo tra i primi 10 per un po' e si è sentito bene in macchina.

Ho dovuto lasciare il debrief e non so quale sia il suo feedback, ma guardandolo dal muretto e guardando i tempi sul giro, non erano così diversi da quelli di Lance, che è qui da un po' di tempo e conosce bene la macchina", spiega il team principal Szafnauer. 

L'editoriale del direttore: E alla fine vince Hamilton

"Sono fiducioso che Seb arriverà, noi abbiamo faticato con la gomma dura e lui l'ha montata presto, dobbiamo capire questo punto".

Il lavoro condotto nei test non è stato sufficiente a correggere i comportamenti della AMR21, con lo stesso Vettel ad ammettere un gap di 100 giri di "conoscenza". Il week end di Sakhir, quindi, può considerarsi supplemento di preparazione invernale. Da Imola si attendono altre risposte e prestazioni. 

Adattarsi non è sufficiente

"Non è stato probabilmente il migliore dei week end o quello che ci aspettavamo, però ci sono state molte cose apprese in gara che dobbiamo risolvere, vedremo quanto in fretta riusciremo a sistemarle", aggiunge Vettel. 

"Non mi sento a casa, in macchina. Ci sono molte cose che mi remano contro e non riesco davvero a concentrarmi sulla guida. Dobbiamo lavorare e provare a risolverle.

È chiaro che io mi adatto a come vuol essere guidata la macchina, però ci sono molte cose che aggiungono una certa inconsistenza che non è d'aiuto. Sono queste le cose sulle quali dovremo venire a capo. Mi sento davvero bene, ovviamente mi dispiace per questo cattivo week end, so quanta preparazione ci sia dietro l'inizio di una stagione e della prima gara, per un altro verso, può solo andare a migliorare da qui. Abbiamo imparato molto , c'è tanto lavoro ad attenderci, è così e dobbiamo affrontarlo passo dopo passo".