Sebastian Vettel ha sempre mostrato un certo interesse verso tutto ciò che lo circonda. Meno appariscente di altri, il tedesco dell'Aston Martin ha a cuore varie tematiche, come il razzismo (ricordate il casco in beneficenza?) e l'ambiente. Del suo impegno "green" Vettel ha parlato ad un evento promosso da BioBienenApfel.

Ralf Schumacher: "Vettel lasci perdere il resto e pensi a divertirsi"

Tempo per riflettere

Tutto è cominciato lo scorso anno, in occasione del lockdown nella primavera 2020: "Sì, era il primo lockdown dell'anno passato, avevo più tempo a disposizione del previsto e mi sono messo a pensare a cosa avrei potuto fare, a cosa mi interessava, come l'agricoltura e l'allevamento. Come atleta mi ci sono avvicinato attraverso l'alimentazione. 'Cosa puoi fare per mangiare in modo più sano e ottenere più prestazioni dal tuo corpo?', mi sono chiesto. Ti fai domande e alla fine ti rendi conto che non tutte le verdure sono uguali, non tutte le mele contengono gli stessi nutrienti".

Vettel: "La AMR21 non è ancora casa mia"

Il cuore di fiori

Successivamente, Seb si è lasciato andare ad uno dei rarissimi momenti in cui parla della sua vita privata: "Ho deciso di fare un cuore di fiori, un prato pieno di fiori con le mie due bambine a casa. Non volevo averne uno piccolo, volevo crearne uno grande. Le ragazze mi hanno aiutato all'inizio ma alla fine... l'ho dovuto concludere tutto da solo! Lo scorso anno ho colto l'occasione per saperne di più su questo argomento, ho trovato molto emozionante imparare con la pratica e parlare con persone che se ne occupano ogni giorno. Sì, stato decisamente molto interessante".

Aston Martin AMR21, svelato il soprannome scelto da Seb