Qualifiche GP Emilia Romagna, Norris: gestaccio contro i track limits FOTO

Qualifiche GP Emilia Romagna, Norris: gestaccio contro i track limits FOTO

L'inglese della McLaren aveva messo a segno in Q3 un tempo stellare che lo avrebbe portato dietro a Hamilton. Peccato però che il crono è stato cancellato, scatenando poi tutta la sua rabbia

Redazione

17 aprile

Colpevole sì ma soprattutto arrabiato. Lando Norris si sfoga con un dito medio tutto rivolto a quei sensori, per lui maledetti, che hanno cancellato il suo miglior tempo in Q3 durante la qualifiche del GP Emilia Romagna. I track limits non perdonano e così quel giro stellare della McLaren è vano e l'inglese non partirà dalla seconda posizione domani in gara. Un rimpianto enorme, che non solo allontanano la seconda fila, ma lo fanno scalare con il 7° crono in quarta fila accanto a Bottas. Insomma una grande delusione per lui che aveva gestito alla grande una lotta per la pole sempre sul 

L'uscita dalla linea bianca, subito segnalata dai sensori sull'asfalto, alla Piratella con la MCL35M costa cara e un po' per rabbia, sacrosanta, e un po' per gioco Lando a qualifica conclusa si fa un giretto a piedi in circuito. E guarda caso finsice proprio in ginocchio su qul sensore maledetto, scattando una foto che lo ritrae mentre gli alza contro il dito medio. Nemmeno a ditrlo la foto (qui sotto) fa il giro del web e subito rimbalza sui social, trovando tantissimi consensi anche tra i tifosi del team di Woking.

Leclerc felice del 4° posto ammette: "Mercedes e Red Bull di un altro pianeta"

"Ho fatto un casino"

Tra i tanti giri confermati e cancellati, a fine sabato si pone ancora una volta l'accento su quanto questa applicazione certosina del regolamento sia giusta in virtù dello spettacolo e quanto venga applicata nello stesso modo a tutte le monoposto in pista. E' andata bene per esempio a Stroll che poco prima si era visto invece confermato un crono in Q2: un episodio davvero al limite che accende la polemica. 

Così c'è anche chi come Gasly ammette quanto non digerisca questo sistema: "Track limits? Un casino, non lo sopporto. Mi hanno cancellato due giri, ma non voglio lamentarmi. Una curva c’è la linea bianca, un’altra il cordolo, un’altra puoi fare quello che vuoi. Certamente però dovremo decidere di fare sempre la stessa cosa".

Un pensiero condiviso da moltissimi piloti e gran parte del resto del paddock. Tra tutti anche Norris che però ammette di aver commesso un errore: "Sono piuttosto deluso e piuttosto arrabbiato con me stesso, penso che sia stata una giornata molto buona fino al momento dell’errore. La macchina è davvero cresciuta in qualifica, abbiamo fatto un sacco di miglioramenti da venerdì. Quello è stato un giro in cui non dovevo fare un errore, ho sbagliato tutto. Alla fine è stato un mio errore e ho fatto un casino. Domani in gara proverà a fare un miracolo, certo track limits permettendo.

Ricciardo: "Mi aspetto una gara incasinata"

Un sabato meno complicato ma comunque impegnativo anche per Ricciardo. Il compagno di squadra di Norris infatti ha rischiato di essere eliminato in Q2 ma alla fine è riuscito a migliorarsi col 6° tempo non senza fatica e domani partirà dalla terza fila: "Domani? immagino che sarà una gara con un bel casino. Imola mi piace è veloce: qui ci vuole confidenza con la macchina, perché è una pista dove devi rischiare. Tutto il weekend ero un po’ lento. Trovare la fiducia è stato difficile, ma in qualifica è andata un po’ meglio, anche se non sono ancora al livello che voglio io. Però per essere la seconda gara con la McLaren non è male". E infine conclude sorridendo: "Dove posso arrivare? Primo!"

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi