In tempi di crisi, servono sacrifici. Ed è così che la McLaren, secondo quanto arriva dall'Inghilterra, avrebbe raggiunto un accordo per vendere alla cifra di 170 milioni di sterline il suo quartier generale di Woking. 

Superlega calcistica, quella volta che la F1 minacciò la Fia con il campionato alternativo


Altri 20 anni a Woking

A comunicare la notizia con un tweet è stato Andrew Benson, giornalista della BBC. Non viene specificato l'acquirente, ma il cronista sottolinea come l'accordo preveda un patto di locazione che permetterà alla McLaren di restare nella sua sede per i prossimi 20 anni. "La McLaren ha venduto il suo quartier generale - recita il tweet -  a Woking per 170 milioni di sterline come parte di un accordo di vendita con patto di locazione volto a ridurre il debito e 'sostenere il rafforzamento della posizione finanziaria del Gruppo'. La McLaren ha concordato un contratto di locazione di 20 anni sul sito come parte dell'accordo".

Test Pirelli, Hamilton in pista ad Imola con le 18 pollici


Liquidità immediata

La factory di Woking è un vero gioiello voluto da Ron Dennis, ed era anche lo strumento migliore per immettere liquidità nelle casse del team inglese, fortemente colpito dalla pandemia. La McLaren così facendo si è garantita denaro immediato, senza dimenticare che un contratto di vendita con patto di locazione può prevedere (ma non sappiamo se questo è il caso), al termine del contratto di locazione, il riscatto da parte dell'utilizzatore.

GP Emilia Romagna, Norris sul podio: "Lewis era troppo veloce, ma sono contento"