Il GP di Portogallo per la Ferrari inizia con un quarto posto al mattino e al pomeriggio, nel consueto venerdì di prove libere. Leclerc nelle FP1 e Sainz nelle FP2 hanno regalato un crono che fa ben sperare in vista delle qualifiche di domani sul circuito di Portimao. Con una Rossa così, tornata terza forza del Mondiale di Formula 1 dopo Mercedes e Red Bull, anche Laurent Mekies si lascia sfuggire un sorriso. 

Il racing director di Maranello, alla fine delle prove libere, ha evidenziato quanto con la nuova SF21, oggi vista con il fondo nuovo che sarà utilizzato però dal prossimo weekend per il GP in Spagna, sia tutta un'altra cosa rispetto alla SF1000.

Hamilton leader nelle FP2: "Più vicini alla Red Bull"

Testa sul passo gara

La speranza per Mekies è quella di strappare anche domani la seconda fila sulla griglia di partenza: "Ferrari più positiva rispetto a Imola? L'anno scorso possiamo dire che qui era un po' meno difficile pensando anche al 4° posto conquistato da Leclerc. Ma il fatto è dovuto le condizioni della pista: erano atipiche, molto particolari, a Portimao. Eravamo noi in difficoltà con la vettura, la SF1000, e ha cambiato la nostra prestazione in gara. Oggi con la SF21 fortunatamente siamo più vicini ai nostri avversari.

La stessa reazione che avrà la nostra monoposto la vedremo riflessa anche nelle altre dei nostri competitors. Ma non credo sarà molto diverso dal Bahrain e dall'Emilia Romagna. Detto questo siamo ancora cercando una risposta al nostro passo gara che non abbiamo avuto modo di testare e valutare sull'asciutto a Imola vista la pioggia. Questa è la nostra priorità ora. C’è ovviamente ancora molto lavoro da fare, ma è un buon primo passo dopo un anno difficile. Dare ai piloti una macchina costante nelle prestazioni è importante per far sì che che possano spingere sempre e di più. Vedere Carlos a questi livelli non è scontato, considerando che ha avuto solo una sessione di test prestagionali. Lui e Charles, indirizzano lo sviluppo della monoposto nella direzione giusta e questo aiuta molto”.