GP Spagna, Bottas: "Far passare Hamilton? Non corro per gli altri"

GP Spagna, Bottas: "Far passare Hamilton? Non corro per gli altri"© Getty Images

Il finlandese della Mercedes polemico alla fine del GP a Barcellona: "Gara più complicata:  è stato un problema essere dietro a Leclerc dal primo giro"

Redazione

9 maggio

Basta un terzo posto per mandare via l'incubo di una possibile sostituzione? Probabilmete no. Il destino di Valtteri Bottas è ancora appeso ad un filo tra Mercedes e forse Williams, con lo spettro di uno scambio con Russel sempre dietro l'angolo.

Una cosa c'è da dire però: Valtteri è davvero sfortunato visto che perde sempre con Lewis, anche fuori dalla pista. Prima del via del GP di Spagna i due sono stati ripresi dalle telecamere mentre giocavano a morra cinese nel paddock Mercedes. E indovinate chi ha vinto? Ovviamente l'inglese. 

Lewis: "Ho pensato di non fermarmi, ma poi mi sono fidato del team"

Leclerc tra le ruote

Una sconfitta per gioco, che si aggiunge anche al giro veloce mancato e andato a Max Verstappen nonostante il pit stop in più. Tutto questo non ha giovato all'umore di Bottas, che a fine gara è apparso molto rabbuiato. Questo podio e le bollicine non sono riuscite a tirarlo sù, come lui stesso ammette: "La velocità c’era, ma ho perso la gara al via subendo il sorpasso da Leclerc, perdendo subito la terza posizione.

Credo che il fatto che mi ha reso la gara più complicata è essere stato dietro a Charles al primo giro. Non ho visto arrivare la Ferrari: Hamilton ha alzato un po’ il piede e quando mi sono accorto di lui era ormai troppo tardi. Ha scelto la traiettoria migliore e stare tanto dietro a lui mi ha rovinato la corsa".

Binotto si arrabbia in tv: "Basta con 'Grande Charles, però la macchina...'"

Polemiche via radio

Se a Porimao Toto Wolff era intervenuto per incoraggiare il finlandese, questa volta via radio è arrivata un altro tipo di indicazione dalla Mercedes a metà gara: "Se mi hanno detto via radio di lasciar passare Hamilton? Non dovevo ostacolarlo troppo, ma non corro per far passare gli altri. Ero concentrato sulla mia gara e su avere il gap necessario su Leclerc per effettuare una sosta supplementare e andare a caccia del punto per il giro più veloce.

Purtroppo nel primo stint ho perso veramente un sacco di tempo prezioso. Al di là di questo avevo un bel passo fin dai primi giri. Peccato, ma almeno ho preso il podio. Oggi sono stati piccoli dettagli a fare la differenza, come appunto la terza curva del primo giro: il passo ce l’avevo. Stiamo facendo tanti punti, ma senza gare perfette. Monaco è una pista particolare, vediamo come andrà lì tra due settimane". 

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi