Dopo aver raccolto dati su 227 giri nella giornata di martedì, i test Pirelli al Montmelò hanno visto nella giornata odierna impegnati tre piloti. Ancora Alex Albon su Red Bull (150 giri martedì) e Robert Kubica su Alfa Romeo (127 giri ieri), ai due si è aggiunto Daniil Kvyat su Alpine - con una Renault RS18 -. 

Sospetti sull'ala flessibile Red Bull, la FIA inasprisce i controlli

Tra i temi emersi nel corso della prima giornata, i run condotti da Alfa Romeo con i cerchi posteriori dotati della carenatura imposta dal regolamento 2022. Sarà un ritorno sulla scena per gli elementi aerodinamici visti nel 2009 per l'ultima volta. 

Il turno di prove del mercoledì ha visto al mattino temperature fino a 30° C sull'asfalto, con Kvyat il più attivo al volante, autore di 57 giri, seguito da Albon con 54 passaggi e Kubica a quota 49.

Kubica: bel risultato per un trentaseienne

Un lavoro proseguito al pomeriggio, fino a raggiungere i 123 giri con Daniil Kvyat, 101 giri con Alexander Albon. Red Bull tornerà a girare in occasione della sessione di test in programma dopo il GP di Gran Bretagna, il 20 luglio, mentre per Alpine ci sarà l'impegno il 15 e 16 settembre, al Paul Ricard, ma con gomme da bagnato.

Quanto alle sensazioni di Robert Kubica dopo tanti chilometri passati in macchina, a fine giornata ha commentato: "Abbiamo finito il secondo giorno di test Pirelli con gomme da 18 pollici, tanti giri fatti, molto tempo passato anche fuori dalla macchina. Fare due giorni di test a Barcellona, per un trentaseienne, è un bel risultato.

Il vero gareggiare inizia domani, con l'ELMS, andrò in Austria per il secondo appuntamento dell'ELMS. Ci vediamo lì".