Solidissimo sul passo gara, giri su gomme medie - otto - e un ritmo mediamente da 1'47" basso, per Lewis Hamilton. Lontanissimo sulla prestazione pura, il giro singolo, dove è una Mercedes in deficit di aderenza quella che chiude il venerdì del GP d'Azerbaijan. L'1'43"156 è a un secondo dal riferimento segnato da Sergio Perez. 

Servirà migliorare la W12 verso la giornata di sabato, un aiuto che potrebbe arrivare anche da una pista in progressiva, costante, gommatura. Sono due sessioni di prove libere bifronte nell'analisi del passo sulla simulazione di long run e sul giro veloce. 

Meglio al mattino

Diverse sono anche le sensazioni tra Lewis e Valtteri Bottas: "Sinceramente ho avuto una giornata davvero ottima, non ci sono stati errori a parte un bloccaggio nelle libere 1, abbiamo fatto tutti giri puliti e quelli che servivano. 

In generale sento d'aver guidato bene e la macchina l'ho sentita andare meglio nelle libere 1", dice a fine libere 2.

Senza aderenza

Poi approfondisce quel che non funziona, ancora. "In quest'altra sessione... non c'era altro tempo da estrarre. Direi che assolutamente dobbiamo approfondire e grattarci il capo per risolvere le cose. Esamineremo i dati per capire come migliorare, i long run sono andati meglio del giro singolo.

GP Azerbaijan, FP2: le due Red Bull davanti, poi le Ferrari

In generale mi sono sentito bene, ho spinto al limite ma la macchina era al limite, c'erano delle aree dove poter essere più veloci ma non c'era più aderenza". Fa rumore la classifica dei tempi, l'11° crono di Hamilton e il 16° di Bottas, "lavoreremo ed è ovvio che non è facile trovarsi fuori dalla top ten in velocità dove abbiamo ritmo su altre aree, non so perché siamo dove siamo. Come ho detto sento d'aver avuto una buona giornata personalmente". 

I tempi delle prove libere 2