Giovinazzi, feeling e bilanciamento cercasi verso le qualifiche del GP di Francia

Giovinazzi, feeling e bilanciamento cercasi verso le qualifiche del GP di Francia© Getty Images

Antonio è appena fuori dalla top ten dopo le libere del venerdì. Il distacco da Raikkonen è minimo ma le sensazioni dall'Alfa Romeo non sono state delle migliori. Resta molto lavoro  da fare e il vento non ha aiutato la stabilità

Fabiano Polimeni

18 giugno

Dodici piloti in un secondo, otto macchine in 5 decimi, da Alonso ad Antonio Giovinazzi. Così le libere 2 al Paul Ricard, per un GP di Francia che inizia a mettere in ordine i valori secondo previsioni, o quasi.

Arriverà un ordine ancor più realistico al sabato ma, per la lotta a metà schieramento, sono distacchi ridottissimi sui quali contendere la posizione in qualifica.

Condizioni difficili

Giovinazzi chiude 11°, non ancora soddisfatto del comportamento di un'Alfa Romeo che piazza Raikkonen 9°. In 5 centesimi appena corrono due posizioni. È la misura di quanto sia serrata la battaglia.

"E' stata una giornata difficile, ci aspettavamo più grip poi anche il vento era sostenuto e sarà così anche domani", analizza Antonio. 

"Ci aspetta una qualifica molto difficile, soprattutto trovare consistenza è molto difficile. Abbiamo fatto tutto, c'è da migliorare e non è semplice trovare un buon bilancio ma abbiamo tutta la serata per lavorare".

Feeling da migliorare

Lavorare sul ritagliarsi l'Alfa Romeo che vorrebbe, trovare un feeling superiore per sbloccare altra prestazione. È l'area al centro del lavoro che porterà alle libere 3 e poi in qualifica: "Domani, vedendo le FP2 dove siamo tutti molto vicini, sarà importante mettere insieme il giro, essere a proprio agio con la macchina, non lo sono ancora. 

L'obiettivo è  migliorare il bilanciamento, essere al 100% con la macchina e allora trovi ancora qualche decimo".

Tempi prove libere 2

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi